spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Caso asili nido, i genitori: “Amministrazione distante dalla realtà”

    "Si richiamano ancora a procedure burocratiche che allungano i tempi e mancano di rispetto a bambini e famiglie"

    GREVE IN CHIANTI – Hanno letto le comunicazioni ufficiali dell'amministrazione comunale grevigiana in merito ai tempi e ai modi della commissione consiliare che dovrà vigilare sul contestato passaggio di consegne negli asili nido "Il Riccio" e "La Coccinella".

     

    Poi i genitori sono tornati a prendere "carta e penna" per esprimere tutta la loro amarezza e il loro profondo senso di disagio. Criticando, ancora una volta, in modo molto pesante l'operato della giunta comunale.

     

     

    "Le poche righe – esordiscono – con cui l’amministrazione comunale di Greve in Chianti risponde alle nostre sollecitazioni a dare seguito agli impegni presi nel corso della seduta straordinaria del consiglio comunale dello scorso 7 dicembre rappresentano, purtroppo, l’ennesima dimostrazione della loro distanza enorme dalla realtà".

     

    "A fronte di una situazione che richiederebbe un’azione immediata e risolutiva – accusano – e a fronte degli impegni presi, a parole, in consiglio comunale, si richiamano ad una discutibile procedura burocratica per perdere ancora tempo e mancare di rispetto, una volta di più, a famiglie messe in seria difficoltà da una sciagurata gestione politica e amministrativa".

     

    "È a questo punto evidente – rimarcanno – che le azioni che questa amministrazione sta compiendo vanno nella direzione esattamente opposta a quanto viene pubblicamente affermato. La commissione speciale, istituita nel corso della seduta del 7 dicembre poteva e doveva essere convocata a stretto giro in questa settimana. Non si capisce quale ulteriore passaggio debba essere fatto dal consiglio, visto che la commissione è già stata istituita con l’indicazione anche dei consiglieri che ne fanno parte".

     

    "Vi siete dimenticati di indicare il presidente della commissione? – chiedono i genitori – In questo caso il presidente del consiglio comunale o direttamente il sindaco poteva e doveva convocare immediatamente la prima seduta e, in quella sede, procedere con l’elezione del presidente. La giunta Sottani “si sta adoperando per fare fronte e rispondere alle problematiche sollevate dai genitori”? Ma dove? Come? Oltre a dilatare tempi non più dilatabili, sappiamo che l’amministrazione ha chiesto l’inventario dei beni degli asili alla cooperativa uscente, ha chiesto l’elenco delle educatrici da sottoporre alla nuova cooperativa, non ha ricontattato la cooperativa uscente per proporre alcuna gestione in proroga, non ha promosso alcuna soluzione di accordo tra le due cooperative".

     

    "Tra l’altro – dicono ancora – con riferimento all’inventario, ovviamente (anche se niente pare ormai più ovvio, in questa vicenda) ci auguriamo che il personale dell’amministrazione non si presenti negli asili in orario di servizio, alla presenza dei bambini. I nostri figli sono già stati vittime di scelte che hanno provocato turbamenti e disorientamento. Abbiate almeno la decenza di lasciarli in pace in questi loro ultimi giorni di frequenza".

     

    "Noi, come genitori – concludono – siamo veramente stanchi di sentire parole che indicano una direzione e vedere azioni che vanno in senso contrario".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...