spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 25 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giaggiolo, arriva la festa a San Polo. L’assessore Saturnini: “Fondamentale implementare la sua coltura”

    Convegni, musica, tradizione, gastronomia, animazione e laboratori per i più piccoli. Dal 4 al 7 maggio quattro giorni di eventi per tutte le età

    GREVE IN CHIANTI – Un ricco programma di iniziative si apre a ventaglio sui campi color lillà tra le colline del Chianti fiorentino, in quella che nel corso del tempo è stata la prima terra di produzione del fiore e la più importante a livello europeo.

    A San Polo in Chianti, patria del giaggiolo dal 1850, esplode la festa dedicata al fiore simbolo della Toscana. Una tradizione tenuta in vita dalla comunità che torna ad inondare di profumi, sapori ed eventi la frazione grevigiana dal 4 al 7 maggio.

    La manifestazione, organizzata dal Comitato Turistico di San Polo e sostenuta dal Comune di Greve in Chianti, accende i riflettori sulle proprietà della pianta, divenuta negli anni simbolo dell’economia grevigiana.

    “Il giaggiolo è uno dei prodotti principe del nostro territorio – dichiara l’assessore al turismo Giulio Saturnini – che ben si integra con le altre coltivazioni tipiche delle colline del Chianti, vite e olivo, la tradizione di questa pianta è portata avanti da alcune storiche aziende locali che da anni promuovono un significativo percorso di sviluppo e valorizzazione”.

    “E’ fondamentale che il giaggiolo – aggiunge l’assessore – sia posto al centro dell’agricoltura plurale e diversificata, considerate anche le sue tante proprietà dei rizomi, i bulbi essiccati, sia in campo medico sia in quello cosmetico”.

    La “Festa del Giaggiolo” a San Polo in Chianti è una miscela di forme ed espressioni artistiche ed enogastronomiche che intreccia musica, artigianato, spettacoli, mostre, tradizione, degustazioni, sport e animazioni per bambini.

    L’iniziativa scalda i motori giovedì 4 maggio alle ore 17.30 presso il circolo SMS l’Unione San Polo dove i maestri pizzaioli della casa del popolo insegneranno ai più piccoli ad impastare e preparare la pizza.

    Venerdì 5 maggio sarà un’intera giornata da vivere all’aperto. Nel piazzale della scuola, a partire dalle ore 16, è prevista la formazione delle squadre per le MiniOlimpiadi che si giocheranno nel campo sportivo alle ore 17.

    La serata prosegue a tavola e non solo con l’opportunità di degustare prelibatezze culinarie, ascoltare della buona musica e giocare al torneo di burraco del giaggiolo.

    Giulio Saturnini

    Tra i numerosi eventi del fine settimana, arricchito da musica, letture animate, laboratori di inglese per i più piccoli, intrattenimento e disegno su strada, spicca il convegno “Gli altri usi dell’iris” con la presentazione di uno studio sull’Iris florentina compiuto da Alessandra Perugi. L’iniziativa è prevista sabato 6 maggio alle ore 10.30 presso il Frantoio Pruneti.

    Domenica 7 maggio ci sarà tempo per passeggiare tra i campi fioriti di giaggioli a piedi con la guida Alessandro Falorni. Il programma della manifestazione propone un percorso trekking, in partenza alle ore 10 dal piazzale delle scuole, che farà tappa anche alla millenaria pieve di Rubbiana con visita guidata a cura di Simonetta Falorni.

    Ci sarà la mostra “L’approccio gentile”, litografie di Sarah Del Giudice, presso la bibliotechina di San Polo (sabato 15-19, domenica 10-19).

    La quattro giorni vuole essere un’esplosione di sorrisi ed emozioni per i più piccoli coinvolti, domenica 7 alle ore 15.30, in un laboratorio di musica e tamburi con gli sbandieratori e musici della Val Marina.

    Epilogo in grande stile con lo spettacolo pirotecnico che inviterà tutti ad osservare il cielo alle ore 22.30. Durante la festa non mancheranno le proposte gastronomiche curate dal Chiosco del Comitato turistico, dalla pizzeria Sms San Polo e dalla trattoria Sotto l’Arco.

    Torna la “Festa del Giaggiolo” a San Polo in Chianti: dal 4 al 7 maggio

    Nel corso della festa sarà aperta la mostra “Dal sodo all’essenza: il Giaggiolo e la sua storia” presso i locali della Pubblica Assistenza.

    Le radici e le essenze del giaggiolo hanno avuto svariate applicazioni nel corso degli anni. Profumo, liquore e persino antidolorifico.

    La radice o “gallozola” del giaggiolo è considerata un rimedio naturale per alleviare il dolore dei piccini durante la fase di dentizione, avendo naturalmente un leggero effetto antidolorifico.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...