spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giuseppa Australi, un secolo di vita festeggiato all’Rsa Rosa Libri: “Si laureò in Pedagogia a 63 anni”

    Una mattina speciale quella di oggi, sabato 10 luglio. Per questa neo centenaria, per i suoi familiari, per gli operatori: torta, fiori e tanti sorrisi

    GREVE IN CHIANTI – Ha festeggiato oggi, sabato 10 luglio, nell’Rsa Rosa Libri di Greve in Chianti dove vive da un po’ di tempo, il suo secolo di vita.

    Con una celebrazione sentitissima, insieme agli operatori della struttura e ai familiari che, nel massimo rispetto delle normative anti Covid, l’hanno circondata d’affetto.

    Giuseppa Australi, 100 anni oggi. Nata a San Godenzo, “ha avuto una bellissima vita” dicono i suoi familiari.

    “Ha lavorato – proseguono – come dirigente del Comune di Firenze: aveva otto fratelli (ha una sorella ancora in vita). Il suo babbo era un carbonaio nel Mugello”.

    “Mio nonno – ci dice uno dei nipoti “acquisiti” – si è risposato con lei una volta rimasto vedovo. Non hanno avuto figli, ma lei ha fatto da mamma alle figlie del nonno, che ai tempi avevano 5 e 8 anni”.

    Una donna dalle mille risorse. Con una grande cultura.

    Tanto che, ci raccontano ancora, “si è laureata a 63 anni in Pedagogia, ha fatto ripetizioni di italiano, matematica, inglese a tutti i nipoti. Ha girato il mondo, ha fatto crociere, viaggi…”.

    “Ha vissuto a Greve in Chianti dal 2010-2011 – concludono – venendo qua con il nonno. Lui è morto nel 2011 e lei è rimasta sola con la badante. Poi il trasferimento all’Rsa Rosa Libri, per essere seguita e accudita al massimo”.

    Nipoti, pronipoti a bizzeffe: oggi la festeggiano tutti. Perché è un traguardo importantissimo. Perché ha saputo farsi volere bene.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...