spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il nostro servizio civile e il valore di un grazie”. Il racconto dei ragazzi dell’Avg

    Federico, Sara, Lorenzo e Alessio spiegano la loro esperienza di volontari, quella pausa che permette di decidere il domani

    GREVE IN CHIANTI – Dopo un anno di servizio civile i ragazzi dell'Associazione Volontariato Grevigiano, Federico Forzinetti, Sara Gangemi, Lorenzo Mannucci e Alessio Mangiante, raccontano la loro esperienza tra servizi sociali e Emergenza 118.

     

    Cos'è stato per voi il servizio civile?
    Una bellissima opportunità per i giovani che vengono prima formati e poi chiamati a svolgere attività sociali e sanitarie sull'ambulanza. Superate le verifiche finali vengono rilasciati degli attestati nominativi da inserire nel proprio curriculum lavorativo.
    Un'esperienza che consigliamo a tutti i ragazzi che hanno tra i 18 e i 29 anni poiché, non solo veniamo formati per salvare vite e per l'uso del Defibrillatore, ma serve anche ad imparare a lavorare e relazionarsi all'interno di una squadra. Un'esperienza di vita!

     

    Cosa direste a chi è incerto nella scelta?
    Tutti hanno la convinzione che il servizio di volontariato sia solamente l'Emergenza del 118 ma non è così…"A me dà noia il sangue", "Io mi impressiono a vedere gli incidenti, non potrei mai fare servizio come voi"… Queste sono le tipiche frasi che un volontario si sente dire dalla mattina alla sera. Il problema è che essere volontario non è solo questo.

     

    Cosa vuol dire essere volontario?
    Essere volontario è trovare un momento durante la giornata per staccare dalla routine quotidiana, è stare in sede fermi ad aspettare il fatidico suono della campana che ti annuncia una chiamata del 118 ma è anche partire con un mezzo per portare un anziano a fare una visita, è girare per Firenze sull'ambulanza e svolgere trasporti sociali, è vedere durante un servizio il sorriso di un uomo che ti stringe la mano e, con la poca voce che gli rimane, ti sussurra un grazie. Perché è quello il momento più bello: il Grazie, una semplice parola ma che ti gratifica e ti fa capire che poche ore del tuo tempo le hai utilizzate per regalare qualche istante di felicità a chi è meno fortunato.

     

    Qualcosa da dire arrivati a fine di questo anno?
    A nostro avviso il rimborso spese non è molto elevato (433,80 euro mensili) però questa pecca è compensata da numerosi aspetti positivi tra i quali la possibilità di un impiego annuale che permette al giovane di staccarsi momentaneamente dagli studi e poter così decidere con più calma cosa fare "da grande" (se immergersi subito nel mondo del lavoro o se frequentare l'università).

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...