spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Questa sera a Montefioralle proiezioni sulle visite nel Delaware e in Norvegia

    GREVE IN CHIANTI – Un racconto per immagini di due recenti viaggi internazionali realizzati per aprire le porte del Chianti ai turisti statunitensi e norvegesi e per avviare scambi culturali e istituzionali tra Greve e la città di Rehoboth Beach, nel Delaware, e l’area di Hardanger, vicino a Bergen.

     

    Questa sera, nella piazzetta Santo Stefano del borgo di Montefioralle, alle 21.30, il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà, insieme alla delegazione che lo ha accompagnato nel tour americano svolto a fine giugno e ai giovani grevigiani che hanno partecipato al progetto europeo sulla “Youth Democracy” in Norvegia, riferiranno sui risultati raggiunti e mostreranno fotografie e video girati in occasione delle visite.
     

    Nel corso della serata sarà proiettato, in anteprima, il video-racconto girato da Radio Chianti Web, partner dello scambio Greve-Hardanger, che ha già suscitato curiosità grazie al trailer promosso su Facebook ai primi di luglio (clicca qui per vedere il trailer).

     

    “Lost in Norway” (nella foto un fermo immagine), questo il titolo, si annuncia come un piccolo docu-film sulle avventure degli otto adolescenti chiantigiani alle prese con una cultura diversa e attraente. Un modo diverso e divertente di documentare le attività di gemellaggio e l’apertura di nuove frontiere per il Chianti e per i suoi abitanti più giovani.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...