spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti: l’ultimo addio a Marco Baldi nelle parole di chi lo ha conosciuto

    Oggi pomeriggio a Greve in Chianti i funerali: e a dirgli addio sono arrivati, come previsto, in tantissimi. Qui il saluto pieno di affetto di molti, lasciato sui nostri canali social

    GREVE IN CHIANTI – Un coro unanime, collettivo, che tratteggia una personalità in modo univoco, senza sfumature.

    Lasciamo alle parole che alcuni dei nostri lettori (in realtà sono stati molti di più) hanno commentato, sui nostri canali social, la scomparsa di Marco Baldi, 69 anni, venuto improvvisamente a mancare nella notte di ieri.

    # Muore all’improvviso Marco Baldi: grande cordoglio a Greve in Chianti

    Oggi pomeriggio a Greve in Chianti i funerali: ed a salutarlo sono arrivati, come previsto, in tantissimi.

    Qui di seguito alcuni dei saluti lasciati scritti sul nostro “diario”. Saluti a una persona che, con delicatezza, ha lasciato il segno.

    Pieraldo Ciucchi: “Ci siamo affacciati insieme alla vita; siamo cresciuti fianco a fianco sullo stesso pianerottolo di casa senza mai uno screzio e insieme siamo diventati uomini. Il passo del Sugame ha poi, simboleggiato la nostra “distanza”, ma per i quarant’anni successivi ogni nostro incontro era un ritrovarsi nella gioia di parlare di noi, delle nostre famiglie, di commentare un libro, un film, la politica, i fatti del mondo. Perché avevi l’intelligenza, la cultura e la conoscenza delle cose che ti derivavano dalla passione per la lettura e dalla curiosità di guardare le cose della vita rifuggendo le superficialità. Te ne sei andato secondo il tuo stile, preoccupandoti di non dover recare nessun disturbo ad alcuno. Sei stato un uomo buono, una bella persona e non puoi capire quanto mi mancherai. Ci siamo voluti molto bene e quando un giorno ci rincontreremo sarà facile riannodare i discorsi da dove eravamo rimasti. Riposa in pace Marco, grande amico mio!”.

    Stefania Morrocchi: “Una persona di una umanità rara, semplice e gentile, ricordo ancora la sua sensibilità quando è mancato il mio babbo. Una preghiera e un abbraccio alla sua famiglia”.

    Marina Cecchini Bernini: “Senza parole solo un grande dolore e partecipazione sincera. Ci mancherai come tutte le persone buone e gentili che ci hanno lasciato”.

    Martina Ermini: “E’stato un grande amico del mio babbo, una persona speciale con la sua gentilezza e la sua disponibilità. Mi dispiace davvero tanto”.

    Tiziana Catarzi: “Ciao Marco. Grandissimo uomo, gentile, pacato, sensibile. Condoglianze alla famiglia”.

    Salvatore Toscano: “Grazie Marco, incontrarti quasi ogni mattina e ricevere il tuo sorridente buongiorno mi mancherà”.

    Corinna Verniani: “Era un uomo che ho sempre molto stimato per l’intelligenza e la curiosità. Condoglianze sentite ai familiari”.

    Fernando Bagni: “Una persona davvero speciale, che potevi solo apprezzare per il suo carattere semplice e per la sua gentilezza. Ci mancherà tanto”.

    Patrizia Fibbi: “Non ci posso credere! Era un caro amico del mio babbo, era una persona davvero garbata e sempre pronto ad aiutare”.

    Beatrice Lapini: “Grande uomo sempre vicino alle famiglie con il dolore del lutto. Condoglianze alla famiglia”.

    Marta Calvelli: “Dicevi sempre che mio fratello era speciale con le sue mani calde… come lo sei stato te per lui con i tuoi abbracci. Ora vi incontrerete di nuovo per sempre: condoglianze alla famiglia”.

    Francesco Coriglione: “Grande uomo, con una bella cultura ha accompagnato con dolcezza mio padre prima e mio suocero successivamente nel loro ultimo viaggio”.

    Manuela Ceccatelli: “Una persona signorile e delicata nei modi e nelle parole, sentite condoglianze alla famiglia”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...