spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti: punta la pistola (finta) alla tempia del proprietario di un locale. E lo costringe a bere grappa

    E' accaduto fra sabato e domenica scorsi in un locale del comune grevigiano: il titolare tenuto sotto scacco per due ore. Carabinieri al lavoro: l'uomo sarà denunciato anche per sequestro di persona

    GREVE IN CHIANTI – E’ accaduto tutto nella serata fra sabato e domenica scorsi, in un locale del comune di Greve in Chianti.

    Dove si sono vissuti minuti, ore, a dir poco surreali: che adesso però avranno tutte le conseguenze del caso per chi se ne è reso protagonista.

    Si tratta, nel dettaglio, di un uomo sulla cinquantina: che in stato di alterazione, dovuto al consumo di alcol, sarebbe entrato nel locale e avrebbe estratto una pistola.

    L’arma, rivelatasi poi finta, non era però al momento distinguibile: pare quindi che chi c’era sia andato via, mentre il 50enne avrebbe puntato la pistola alla tempia del proprietario del locale.

    Tenendolo così, sotto scacco, per addirittura due ore. Costringendolo (pure) a bere grappa.

    Anche perché il proprietario del locale non poteva essere in grado di distinguere la tipologia dell’arma.

    Alla fine l’intervento dei carabinieri e, adesso, il proprietario della pistola finta sarà denunciato per varie ipotesi di reato.

    Fra cui, molto probabilmente, sequestro di persona e violenza privata.

    Stanno indagando i carabinieri della Stazione di Greve in Chianti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...