spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti sperimenta il metodo Montessori anche nella scuola secondaria

    Prima esperienza in Toscana. Il sindaco Sottani e l'assessore Esposito: "Una didattica che si ispira al valore dell'esperienza e all'utilizzo dei materiali"

    GREVE IN CHIANTI – Greve in Chianti vuol diventare un esempio regionale e nazionale con l’applicazione del pensiero montessoriano nell’intero ciclo della scuola statale, dall’infanzia alla secondaria di primo grado. 

    Il metodo pedagogico fondato da Maria Montessori prosegue il suo cammino nel Chianti fiorentino e, dopo essere stato introdotto per la prima volta in Toscana nella scuola pubblica grevigiana, con l’apertura di una sezione alla primaria di San Polo in Chianti e due sezioni di ispirazione montessoriana alla scuola dell’infanzia della stessa frazione, prova a compiere un salto e ad estendersi in altri plessi dell’Istituto Comprensivo.

    Si apre infatti, in forma sperimentale, nella scuola secondaria di primo grado di Greve in Chianti un nuovo percorso a indirizzo montessoriano rivolto ad una classe. Insomma: si potrà studiare con il metodo-Montessori anche alle scuole medie.

    Si tratta di un progetto pilota, innovativo e inedito anche in questo caso nel panorama regionale e tra i pochi attivati in Italia, che scommette sull’introduzione del metodo laboratoriale ed esperienziale all’interno della scuola secondaria, secondo una collaborazione attiva da anni promossa, realizzata e condivisa dall’Istituto comprensivo, dal Comune e dall’Associazione Montessori Chianti.

    Per l’attivazione del progetto è fondamentale anche il ruolo dell’Istituto comprensivo della scuola secondaria “Riccardo Massa” di Milano, scuola capofila della Rete nazionale di scuole Montessori finalizzata alla sperimentazione della “Scuola Secondaria di Primo Grado ad Indirizzo Montessori””.

    “Grazie al supporto del nostro partner, il Comune di Greve in Chianti – dichiara la dirigente scolastica Francesca Ortenzi – e nell’ambito di un progetto che risponde anche alle richieste delle famiglie dell’infanzia e della primaria di San Polo in Chianti, abbiamo deciso di introdurre il metodo alla secondaria per diversificare e ampliare l’offerta formativa con un percorso che crediamo valido e utile ai fini dell’acquisizione dell’autonomia degli studenti”.

    Il progetto sarà accessibile a tutti, compresi i bambini che non hanno frequentato la montessoriana in precedenza.

    “E’ un sistema pedagogico – prosegue la dirigente scolastica – che mette al centro gli allievi come protagonisti assoluti del loro tempo scolastico, nella classe montessoriana non esiste la lezione frontale, né la classica cattedra ma solo un’esperienza diretta in cui gli spazi si estendono, all’interno e all’esterno del plesso”.

    “Ciò che diventa indispensabile è l’utilizzo consapevole del lavoro di apprendimento – sottolinea – momento in cui i ragazzi imparano a compiere responsabilmente delle scelte, l’attività infatti è libera e viene orientata sulle base degli interessi e delle motivazioni delle allieve e degli allievi”.

    Un altro tema saliente è quello della formazione. L’Istituto Comprensivo grevigiano sta provvedendo anche ad organizzare la formazione dei docenti.

    Il progetto è stato varato dal Consiglio di Istituto, dal Consiglio dei Docenti e ha ottenuto l’ok della Conferenza educativa zonale.

    Su quest’ultimo passaggio hanno lavorato con grande impegno e attenzione il sindaco Paolo Sottani e l’assessore alle politiche educative Maria Grazia Esposito.

    “Considerato l’esito positivo dei 101 bambini e ragazzi che nel nostro territorio frequentano la scuola montessoriana – precisano – proviamo a potenziare il progetto che investe su una didattica che si ispira al valore dell’esperienza e all’utilizzo dei materiali, una scuola “a porte aperte” che permette di utilizzare l’aula e gli ambienti esterni come luoghi di crescita, il metodo è teso a realizzare una didattica personalizzata e richiede una forte condivisione e collegialità del percorso educativo”.

    Uno dei tre partner del progetto è l’Associazione Montessori Chianti, presieduta da Daniela Biazzo che, sulla scia delle azioni intraprese negli anni passati con il Comune e la scuola, si sta adoperando per l’attivazione del metodo montessoriano nella secondaria di primo grado con il contributo della Fondazione CR Firenze.

    Le iscrizioni sono aperte dal 4 al 28 gennaio 2022 e si effettuano on line all’indirizzo www.istruzione.it/iscrizionionline/.

    Sabato 11 dicembre alle ore 10 è previsto un open day, organizzato dal Comprensivo, che permetterà di saperne di più sulla nuova sperimentazione di Greve in Chianti.

    Per partecipare occorre esprimere la propria richiesta e scrivere all’indirizzo orientamentogreve@comprensivogreve.it.

    L’open day dell’Istituto comprensivo di Greve in Chianti proseguirà in generale per tutti gli altri plessi alle ore 11.20 per la presentazione delle scuole primarie e alle ore 15 per le scuole dell’infanzia.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...