spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti: un 2022 con oltre tre milioni e mezzo di euro in opere pubbliche

    Le racconta il sindaco, Paolo Sottani: "Massima attenzione riservata ai bisogni delle frazioni e alle opere di piccole e consistenti entità"

    GREVE IN CHIANTI – “Scuole, parcheggi, giardini, fognature, piazze. Il maxi piano di riqualificazione progettato dal Comune di Greve in Chianti si realizza attraverso un pacchetto di investimenti pari a 3milioni e 700mila euro con l’obiettivo di dare un volto nuovo, fruibile e green, per lo sviluppo del territorio, migliorare e potenziare le infrastrutture, gli spazi pubblici, i servizi”.

    Lo fanno sapere dall’amministrazione comunale grevigiana, che dal palazzo in piazza Matteotti descrivono una visione “che scommette sul cuore vitale dei borghi di campagna”.

    E che viene illustrata nei dettagli dal sindaco Paolo Sottani e dall’assessore ai lavori pubblici Paolo Stecchi.

    “Uno degli interventi da mettere in risalto, nell’ambito del piano delle opere pubbliche – rimarcano – è l’adeguamento sismico e la ristrutturazione del complesso scolastico di Panzano in Chianti (scuola infanzia e primaria). Investimento da 1 milione e 800mila euro, che l’amministrazione comunale ha programmato per garantire sicurezza e sostenibilità agli spazi dell’edificio scolastico”.

    “Il principio che, nell’ambito del piano degli interventi – spiega il sindaco Paolo Sottani – torniamo ad applicare anche per quest’anno, è la massima attenzione riservata ai bisogni delle frazioni e alle opere di piccole e consistenti entità”.

    “I nostri riflettori – prosegue – sono puntati non solo sulle grandi opere, ma anche su quelle di rilievo inferiore. Riteniamo che, solo abitandoli, i centri urbani possano continuare a pulsare ed essere vitali: per questa ragione  abbiamo deciso di dirottare gli investimenti anche verso la realizzazione di piccole opere apprezzate dai cittadini, utili e necessarie al benessere dei borghi e alla qualità della vita di un’intera comunità”.

    Il primo cittadino si riferisce alla risistemazione del giardino e dei vialetti di via Boschi a Strada in Chianti, al rifacimento del sistema fognario di Casole, alla nuova pavimentazione per via Camaldoli.

    Paolo Stecchi, assessore ai lavori pubblici del Comune di Greve in Chianti

    “Il 2022 – annunciano – sarà anche l’anno del completamento degli importanti interventi iniziati nel 2021, alcuni dei quali appena avviati. E’ il caso della risistemazione di via Garibaldi e piazzetta Santa Croce, finalizzati alla riqualificazione della pavimentazione che ha richiesto un investimento complessivo pari a 120mila euro”.

    “Abbiamo scelto una pietra di pregio – rimarca il sindaco – il porfido, un materiale che coniuga bellezza estetica, resistenza, durevolezza e compattezza, per riqualificare una delle aree centrali del capoluogo, il porfido andrà a sostituire quello esistente”.

    Altra opera in corso è il (sospirato) restyling del parcheggio di piazza della Resistenza. Un investimento del valore di 350mila euro finalizzato ad una complessa ristrutturazione del parcheggio sotterraneo e in superficie, articolata in più fasi, attesa da anni. 

    “L’intervento – specifica l’assessore ai lavori pubblici Stecchi – comprende la realizzazione di nuovi bagni pubblici ed un’opera di manutenzione straordinaria con la quale si ripristina tutta l’area di sosta. L’opera prevede inoltre l’installazione di un ascensore, oltre alla tinteggiatura del piano seminterrato e delle pareti e altre opere di rifinitura ed abbellimento”.

    Un intervento concluso e inaugurato da qualche settimana è la nuova cucina centralizzata, attrezzata e dotata di strumentazioni e arredi all’avanguardia per la produzione di un migliaio di pasti, destinati agli studenti del territorio comunale di ogni ordine e grado.

    Del valore complessivo di 500mila euro, corrisponde ad uno degli obiettivi più rilevanti per l’amministrazione comunale che ha portato a termine la realizzazione di una struttura, demolendo parte di quella esistente in un immobile di proprietà pubblica posto in via Giuseppe di Vittorio, al piano terreno dello stesso edificio dove è presente la scuola ex Munari.

    “Il centro cottura è un’opera che guarda al futuro – sottolinea il sindaco Sottani – mira alla preparazione e alla somministrazione dei cibi espressi e interni, in uno spazio ristrutturato e riqualificato secondo caratteristiche di compatibilità e tutela ambientale garantendo il massimo risparmio energetico”.

    I pasti sono cucinati in loco dal personale della CirFood, che ha in appalto il servizio di refezione scolastica.

    Tra le opere ultimate ci sono il parcheggio di via XX Luglio a Panzano in Chianti e i giardini di via Boschi a Strada in Chianti che hanno comportato una spesa pari a circa 100mila euro complessivi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...