spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Pd chiede chiarimenti al vincesindaco Sottani. Grande fermento

    GREVE IN CHIANTI – Diciamo che il Partito democratico di Greve in Chianti sta vivendo una fase di grande… fermento. Che non è riferito né al congresso né alla politica nazionale, ma alla realtà locale e alle elezioni amministrative 2014 che si stanno avvicinando a grandi passi.

     

    Chi infatti pensava a una scontata riconferma del sindaco uscente Alberto Bencistà, che potrebbe candidarsi anche a un secondo mandato, inizia a dubitare seriamente che questa ipotesi possa andare in porto.

     

    Molte le fibrillazioni interne al partito, ai consiglieri comunali e alla stessa giunta. Prova ne è stata l'uscita pubblica dei giorni scorsi del vicesindaco Paolo Sottani (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Una riflessione in cui Sottani non ha in realtà rivelato chissà cosa, ma è tornato a ribattere su due temi a lui particolarmente cari, e sui quali più volte in questi anni si era espresso: il secco no alla politica dei personalismi da un lato; le risposte certe da dare alle imprese, in particolare sul nodo urbanistica, dall'altro.

     

    Una riflessione che ha però spinto il Pd grevigiano a riunirsi più volte per, parola della segretaria comunale Monica Toniazzi (in foto sopra), "chiedere un chiarimento al vicesindaco Sottani".

     

    Riunioni tese, dove sono sono mancate le parole grosse. E che potrebbero aver rappresentato solo l'antipasto di un periodo che potrebbe veder realizzarsi di tutto: dall'indizione delle primarie alle rivoluzioni in giunta.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...