spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I Viticoltori di Greve in Chianti protagonisti di un evento in piazza giovedì 1 settembre

    Per promuovere e far conoscere in maniera sempre più ampia e capillare la propria attività e le peculiarità dei Chianti Classico grevigiani

    GREVE IN CHIANTI – I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la propria mission.

    Ovvero, tutelare e promuovere l’intero territorio grevigiano, tutelare le aziende vitivinicole associate, promuovere la sostenibilità attraverso la protezione e la valorizzazione del territorio,  riqualificare le aree distoniche, lo sviluppo dell’enoturismo e delle produzioni agricole che ne favoriscano la biodiversità. Ad oggi l’associazione conta 32 aziende.

    Allo scopo di promuovere e far conoscere in maniera sempre più ampia e capillare la propria attività, l’associazione ha organizzato un evento su invito riservato a stampa e ospiti selezionati previsto per giovedì 1 settembre a Greve in Chianti, che verrà inserito nell’ambito del ciclo di iniziative “Aspettando l’Expo”, nel fine settimana che precede il cinquantesimo anniversario dell’Expo del Chianti Classico.

    La giornata avrà inizio alle 17 con una masterclass per un ristretto e selezionato numero di invitati, condotta dal grande esperto del territorio del Chianti Classico (e non solo), Alessandro Masnaghetti, editore di Enogea, con la quale ha pubblicato numerosi volumi su alcune delle più importanti zone vinicole italiane (Barolo MGA, Barbaresco MGA, solo per citarne alcune).

    Masnaghetti sta inoltre per presentare l'”Atlante del Chianti Classico”: il primo libro al mondo dedicato esclusivamente al territorio del Gallo Nero, ai suoi comuni, ai suoi vigneti e alle sue Unità Geografiche Aggiuntive (UGA).

    La masterclass, organizzata presso la storica Enoteca Falorni, permetterà di conoscere in modo più approfondito le peculiarità e differenze del vasto territorio del comune di Greve in Chianti attraverso i vini in degustazione, ciascuno proveniente da una diversa zona e azienda dell’Associazione dei Viticoltori di Greve.

    L’evento proseguirà alle 20 presso la piazza principale, cuore del paese: piazza Matteotti, che sarà allestita per una cena sotto le stelle, preceduta da un aperitivo in piedi, dove gli ospiti avranno l’occasione di confrontarsi con i Viticoltori di Greve in Chianti, oltre che durante la cena a seguire.

    L’aperitivo e la cena saranno in piccola parte aperti al pubblico, con possibilità di acquistare il biglietto per partecipare alla serata esclusiva al prezzo di 120 euro per persona, comprensivo della cena seduta e servita con un menù di 4 portate, oltre alla possibilità di assaggiare tutti i 38 vini in degustazione presenti durante la serata.

    I biglietti disponibili sono limitati: per prenotare il proprio posto è necessario accedere a questo link: https://www.viticoltorigreveinchianti.com/esperienze/. Sono attesi in piazza circa 140 ospiti. Il servizio sommelier durante tutto l’evento sarà affidato alla FISAR di Firenze.

    Importante la collaborazione dell’Associazione dei Viticoltori di Greve in Chianti con le istituzioni ed i partners che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento: il patrocinio del Comune di Greve in Chianti, il contributo del Consorzio del Chianti Classico e della Banca Credito Cooperativo Banco Fiorentino Mugello-Impruneta-Signa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...