spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il progetto “Portami a ballare” piace ai giovani: ok il primo viaggio notturno da Greve in Chianti

    Il Comune di Greve in Chianti ha fatto partire la sperimentazione per giovani tra i 16 e i 26 anni: servizio gratuito di trasporto andata e ritorno diretto a Firenze

    GREVE IN CHIANTI – I ventenni grevigiani del sabato sera arrivano alla fermata dell’autobus in piazza Landi a Strada in Chianti senza pensieri e con mille aspettative.

    La voglia di liberare allegria e spensieratezza è tanta, dopo aver atteso questo momento per tutta la settimana.

    Alcuni di loro studiano all’Università, sognano di fare gli ingegneri o i biologi, altri lavorano da artigiani e cuochi nelle attività economiche del territorio.

    E mentre, impazienti, lanciano uno sguardo all’orologio che segna le ore 23, arriva puntuale l’autobus del progetto “Portami a ballare”. Per un percorso, lungo oltre 30 km, che li separa dalla città.

    Il servizio, proposto dal Comune di Greve in Chianti, che aveva già incassato l’ampio consenso dei giovani nel 2019, replica la sperimentazione con un nuovo investimento messo in campo dalla giunta comunale, convinta che, soprattutto nella stagione postpandemia, sia necessario dedicare risorse mirate alla crescita responsabile, autonoma e al benessere della comunità giovanile.

    Ecco che inizia la serata che per la verità già prometteva bene, complici l’entusiasmo dell’età e il desiderio di condividere un momento di socialità in discoteca, al cinema, a teatro o semplicemente per ritrovarsi a passeggiare tra i ponti storici più affascinanti del mondo.

    L’autobus, partito da Panzano in Chianti, è diretto a Firenze, lungo un tragitto che prevede una decina di fermate con un paio di tappe obbligate alle discoteche fiorentine per giungere al capolinea in piazza Beccaria.

    Tra sorrisi, battute istrioniche e sguardi sognanti il divertimento non si fa attendere. Inizia dal viaggio, a bordo dell’autobus, dove ad accogliere l’entusiasmo senza filtri dei primi fruitori del servizio ci sono l’educatore Marco Burberi della cooperativa sociale onlus La Stadera, l’assessora alle politiche educative Maria Grazia Esposito, il responsabile della app Businsieme Carlo Baggiani e l’autista della azienda Stedop Stefano Pistolesi.

    Filippo, Mattia, Tommaso, Lorenzo, Tommaso, Chandan, Viviana, residenti a Panzano e Strada in Chianti sono saliti sul nightbus lo scorso sabato, prima uscita notturna del progetto. E hanno rivelato tutta la loro contentezza esprimendo valutazioni positive sull’attivazione dell’iniziativa.

    “Il servizio è utilissimo per chi, come noi, viene dalla campagna – dichiara Filippo – o non è provvisto di mezzi propri”.

    “E’ un viaggio gratuito che risponde alle nostre esigenze che ci permette di vivere una bella esperienza di divertimento – commenta Viviana – ne parlerò alle amiche e agli amici che dopo il Covid fanno più fatica ad uscire di casa”.  

    “Il servizio ci piace anche perché nessuno di noi – aggiunge Tommaso – si deve preoccupare di intercettare l’amico, disposto ad offrire passaggi per l’andata e il ritorno, il vantaggio è anche quello di arrivare comodamente fino a casa, l’autobus ci porta a due passi dalle nostre abitazioni, questo non significa che possiamo abbandonarci agli eccessi, esagerando ad esempio nel bere ma sostenere il nostro divertimento e farci sentire tutti più sicuri”.

    “Siamo felici che il servizio che ha una valenza sociale ed educativa  – dichiara l’assessore Maria Grazia Esposito – abbia conquistato le ragazze e nei ragazzi del nostro territorio. Un progetto che vuole invitare a vivere un’esperienza di condivisione, mirata a garantire divertimento sano, trasporto sicuro e a responsabilizzare i giovani sui corretti comportamenti da tenere nella fascia serale”.

    “L’iniziativa – conclude – soddisfa e rassicura anche i genitori che non sono più costretti ad andare a prendere i figli alle 4 di notte con tutti i rischi che le strade di campagna d’inverno comportano sia per il ghiaccio che per l’attraversamento degli animali selvatici”.

    Il servizio di trasporto gratuito da Panzano a Firenze e ritorno effettua le seguenti soste: Panzano, Greve, Greti, Chiocchio, Strada, Martellina, Grassina, rotonda di ponte a Ema, Antella (El Pavoreal) via dalla Chiesa (Otel) e piazza Beccaria. La partenza è da Panzano alle ore 22.30 e il ritorno da piazza Beccaria alle ore 3.30. 

    “Portami a ballare” prevede diverse uscite fino al mese di aprile. Il night bus del Comune di Greve in Chianti è un progetto rivolto a giovani di età compresa tra i 16 e i 26 anni e realizzato in collaborazione con la cooperativa sociale onlus La Stadera, l’azienda di trasporto Stedop di Greve in Chianti e Businsieme che ha creato un sistema evoluto di bussharing per il servizio attivando una specifica piattaforma web per le prenotazioni. 

    La prenotazione è obbligatoria. Info: https://www.businsieme.com/businsieme/public/lastadera o su app Businsieme. La Stadera: 0558544594, lastaderaonlus@gmail.com.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...