sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    Il sondaggio del Gazzettino del Chianti: sperimentazione pista ciclabile Testi, contrario il 65%

    Abbiamo chiesto ai nostri lettori, in particolare ai grevigiani e coloro che vanno e vengono da Greve in Chianti, una valutazione sulla chiusura sperimentale della strada fra Passo dei Pecorai e Greti

    GREVE IN CHIANTI – Il 65% delle 174 persone che hanno risposto al nostro sondaggio, fatto in modo non scientifico (lo precisiamo subito) sulla nostra pagina Facebook, dice no alla sperimentazione della pista ciclabile fra Passo dei Pecorai e Greti.

    Una sperimentazione attiva da qualche settimana, che andrà avanti fino a dicembre, che mira a mettere a disposizione dei ciclisti un tratto di oltre 3 km lungo la Greve.

    Una sperimentazione che fin dall’inizio ha raccolto critiche: la chiusura infatti impone il passaggio dalla strada che passa delle Bolle.

    Come chilometraggio sarebbe anche più corta, ma ci sono curve che la rendono meno agibile. A onore del vero, va anche detto che da tempo i mezzi del trasporto pubblico locale transitavano già da lì e non dalla strada di fondovalle.

    Così come va detto che all’interruzione del Passo dei Pecorai, all’altezza del cementificio, soprattutto per i mezzi pesanti le manovre per prendere la strada per Le Bolle non sono agevoli.

    In rosso la strada chiusa per la sperimentazione della ciclabile; in verde il percorso alternativo dal 14 settembre al 10 dicembre

    Solo il 35% di coloro che hanno partecipato al sondaggio hanno invece risposto sì, la sperimentazione piace.

    Fra qualche settimana, a fine periodo di prova, vedremo le decisioni definitive.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...