spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ipotesi sul tavolo da tempo: l’indiscrezione data stamani dal “Corriere Fiorentino”

    GREVE IN CHIANTI – Della cancellazione dell'inceneritore di Testi dai piani per lo smaltimento dei rifiuti, del togliere questa previsione impiantistica dall'area dello stabilimento (cementificio) Sacci (in foto sopra) lungo la Greve, nel comune di Greve in Chianti (al confine con quello di San Casciano), nelle stanze degli amministratori pubblici chiantigiani si parla da mesi.

     

    Senza mai uscite ufficiali, visto che della cosa si sta occupando la Regione Toscana. Senza prese di posizione pubbliche poiché, come si sa, qua il tema è di quelli scottanti.

     

    Il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà ha costruito una grossa parte del suo mandato, iniziato nel 2009, in opposizione all'inceneritore. Con tanto di manifestazioni di piazza.

     

    L'indiscrezione è stata tirata fuori dalle "stanze" dal Corriere Fiorentino di questa mattina, che in un articolo a firma di Mauro Bonciani afferma che "è in arrivo il nuovo piano per i rifiuti 2013-2021 della Regione. Dalla nuova mappa sparirà, in particolare, la previsione del contestato termovalorizzatore di Testi, nel cuore del Chianti, in provincia di Firenze. Alzando la soglia della raccolta differenziata dal 50% al 70%, vengono cancellati alcuni impianti di termovalorizzazione, gli ex inceneritori, e alcune discariche".

     

    Insomma quell'inceneritore, come ormai previsto (in silenzio) da mesi, non s'avrà da fare: per la gioia di tanti grevigiani che vedranno cancellata una previsione impiantistica che non ha fatto dormire sonni tranquilli.

     

    In particolare anche le tante (e prestigiose) aziende agricole che si affacciano sulla valle della Greve: e che adesso potranno tirare, se l'indiscrezione verrà confermata dagli atti regionali, un sospiro di sollievo.

     

     

    È in arrivo il nuovo piano per i rifiuti 2013-2021 della Regione. Dalla nuova mappa sparirà, in particolare, la previsione del contestato termovalorizzatore di Testi, nel cuore del Chianti, in provincia di Firenze. Alzando la soglia della raccolta differenziata dal 50% al 70%, vengono cancellati alcuni impianti di termovalorizzazione, gli ex inceneritori, e alcune discariche. – See more at: http://altracitta.org/2013/07/12/ancora-inceneritori-per-la-toscana-nel-nuovo-piano-voluto-dalla-regione/#sthash.mNr4o0PU.dpuf

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...