spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Insegnanti della primaria di Greve in Chianti a lezione di scuola montessoriana

    L'assessore Maria Grazia Esposito: "Metodo radicato da noi, con una sezione alla primaria e due nella scuola dell'infanzia. Da quest'anno anche un nuovo percorso nella secondaria di primo grado"

    GREVE IN CHIANTI – Partirà sabato 22 ottobre il corso di differenziazione didattica Montessori rivolto agli insegnanti della scuola primaria del comune di Greve in Chianti.

    L’attività formativa si terrà a San Polo in Chianti, dove il Comune ha avviato qualche anno fa il progetto pilota della prima scuola pubblica montessoriana.

    Esperienza inedita in Toscana, finalizzata a realizzare un intero ciclo scolastico, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di primo grado.

    Iscriversi al corso, organizzato dall’Opera Nazionale Montessori, in collaborazione con l’associazione Montessori Chianti e con il patrocinio del Comune di Greve in Chianti, sarà possibile fino al 16 ottobre.

    Sono oltre cento i bambini e i ragazzi che nel territorio grevigiano frequentano la scuola montessoriana: “Un metodo educativo di tipo esperienziale – dicono dall’amministrazione comunale grevigiana – sorretto dalla professionalità dei docenti che negli anni si sono adeguatamente formati”.

    La scuola pubblica Montessori, introdotta nel territorio grazie alla collaborazione con l’Istituto comprensivo di Greve, l’associazione Montessori Chianti e l’Opera nazionale Montessori, ha proposto con successo un luogo dedicato alla crescita e alla didattica “aperta” fisicamente e metodologicamente, incentrata sull’insegnamento personalizzato e basato su un percorso educativo del bambino in cui l’adulto non interferisce ma interviene per agevolare la conquista della sua autonomia.

    “Il metodo pedagogico – dichiara l’assessore alle politiche educative del Comune grevigiano, Maria Grazia Esposito – ha messo radici nella scuola pubblica del Chianti fiorentino, forte dell’esperienza precedente, ed è attivo da anni con l’apertura di una sezione alla primaria di San Polo e due sezioni di ispirazione montessoriana alla scuola dell’infanzia della stessa frazione”.

    “Da quest’anno – precisa – si attiva anche un nuovo percorso a indirizzo montessoriano rivolto agli studenti della secondaria di primo grado che propone, oltre alle materie e alle discipline tradizionali, l’inglese e una seconda lingua in via di definizione”.

    In questo caso il progetto è stato elaborato in collaborazione con l’Istituto comprensivo della scuola secondaria “Riccardo Massa” di Milano, scuola capofila della Rete nazionale di scuole Montessori finalizzata alla sperimentazione della “Scuola Secondaria di Primo Grado ad Indirizzo Montessori”.

    Tra i partner che hanno affiancato dalla nascita il progetto l’Associazione Montessori Chianti, presieduta da Daniela Biazzo, che collabora alla realizzazione del progetto con il contributo della Fondazione CR Firenze.

    Il primo modulo previsto è quello teorico e a differenza del resto del corso si svolgerà interamente online. Gli esami conclusivi si terranno nel periodo maggio giugno 2024.

    Venerdì 7 ottobre alle ore 18 si terrà una presentazione del corso online aperta e gratuita a tutti gli interessati. Il link è il seguente: meet.google.com/yvd-kmci-vfj. Info: www.associazionemontessorichianti.com. Per iscrizioni: 3389618744, 3404890648.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua