sabato 26 Settembre 2020
Altre aree

    “Le parole di Stecchi sulle opposizioni e la centrale di Metaenergia: noia di metà agosto? Ricerca di visibilità?”

    La replica dei consiglieri comunali di centrodestra Gemelli e Raveggi all'assessore ai lavori pubblici: "Pensi all'incoerenza dell'amministrazione comunale. Gli stessi che egli contestava in altri tempi"

    GREVE IN CHIANTI – E’ una risposta che corre sul filo dell’ironia quella che i consiglieri comunali di centrodestra del gruppo di opposizione Per il Cambiamento, Claudio Gemelli e Marco Raveggi, rivolgono all’assessore ai lavori pubblici Paolo Stecchi.

    # Centrale a Testi: l’assessore ai lavori pubblici Paolo Stecchi ripercorre la vicenda Metaenergia

    Stecchi che sulla questione Metaenergia, ovvero sulla centrale termoelettrica richiesta nell’ambito del polo di Testi, aveva accusato le opposizioni (che erano uscite dall’aula al momento del voto del consiglio comunale che diceva no alla centrale) di “sottrarsi alle loro responsabilità”.

    “E abbandonare la sala – aveva rincarato – dove avrebbero dovuto assolvere al compito di rappresentanti della comunità, contribuire alla vita pubblica, esprimersi, scegliere. Invece abbiamo assistito ad una fuga dai loro doveri”.

    “Ricerca di visibilità? – replicano Gemelli e Raveggi – Noia di metà agosto? Ritagliarsi una propria autonomia politica? Ci chiediamo quali siano le ragioni dell’intervento dell’assessore Stecchi che torna ancora sull’avvincente saga della centrale termoelettrica a Testi a distanza di settimane, senza dire niente di nuovo né di interessante”.

    “Ancora di meno – rilanciano – si capiscono i motivi di continuare a prendersela con l’opposizione e scrivere un nuovo capitolo delle inutili polemiche della maggioranza, che sembra quasi arrampicarsi sugli specchi”.

    “Non bastava – aggiungono – quanto abbonamente spiegato dal sindaco all’indomani del voto in consiglio? Che bisogno c’era di ripetere e riaccendere una polemica inesistente con l’opposizione?”.

    “La minoranza sarebbe – precisano – secondo Stecchi, venuta meno ai propri doveri nei confronti dei cittadini, ma oltre ad essere una lettura decisamente forzata, consigliamo all’assessore di preoccuparsi più di certa incoerenza da parte della maggioranza e di chi ha sempre amministrato Greve. Gli stessi che egli contestava in altri tempi”.

    “Ormai in politica le contraddizioni non finiscono mai – concludono – un po’ come nella vicenda di Testi e Metaenergia. Buon Ferragosto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino