spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ennesima lettera del grevigiano Marco Raveggi sul parcheggio: “Risposte su costi e fine lavori”

    GREVE IN CHIANTI – Non si arrende e, da semplice cittadino, il grevigiano Marco Raveggi torna a chiedere risposte sul parcheggio di piazza della Resistenza.

     

    Ecco qua sotto l'ultima sua lettera inviata al nostro giornale, con le domande rivolte all'amministrazione comunale di Greve in Chianti.

     

    Parcheggio piazza della Resistenza quando la risposta sul costo totale dell’opera e la sua data di fine? Un mese è passato dall’ultima lettera pubblicata l''11 novembre scorso e visto che le risposte alle domande da me poste sulla questione del parcheggio di piazza della Resistenza ancora non sono arrivate ve le ripropongo fino a quando non avrò risposte complete e i lavori non saranno conclusi.

     

    1) Chiedevo se è stato esaminato il problema delle enormi pozze che si vengono a creare nelle varie zone di passaggio del parcheggio e come modificare gli scoli  formati da dei tubi arancioni che direttamente buttano l’acqua dal primo piano al piano inferiore senza passare attraverso un tubo di scolo come documentato dalla foto.

     

    2) Chiedevo se le problematiche evidenziate dalll'assessore nell’articolo del 23/05/2013 e riportate nel virgolettato ”rimangono ancora da risolvere alcune questioni di carattere amministrativo, legate ad  una non corretta approvazione degli atti nel corso della precedente amministrazione. Per tali aspetti procedurali l’amministrazione si sta impegnando nelle varie sedi opportune" sono state concluse.

     

    3) Chiedevo quanti soldi dovranno uscire dalle casse comunali per il completamento dell’opera e la relativa pianificazione per la sua conclusione. Ad oggi sono stati stanziati e spesi, 825.000 euro finanziati dalla Regione più 27.584,74 euro (più Iva) finanziati dalle casse comunali.

     

    Come cittadino che vuole capire dove vengono spesi i soldi delle tasse ho fatto una ricerca e credo che dalle seguenti delibere (Delibera N°56 del 18/04/2006, Delibera N°137 del 26/11/2007, Delibera N°31 del 03/03/2008, Delibera N°123 del 10/08/2010) si riesca a capire in modo abbastanza chiaro il costo totale dell’opera. A voi amministrazione la comunicazione ufficiale del costo totale dell’opera.

     

    4) Chiedo come l’amministrazione intenderà controllare la presenza di parcheggiatori abusivi che stazionano ancora nel parcheggio di piazza della Resistenza e delle Poste di Greve. Non vorrei che succeda come a  Firenze (ospedale di Careggi) dove  questo costume sta assumendo contorni violenti, di degrado urbano.

     

    Per finire nel parcheggio si sono riproposte le famose stalattiti che erano presenti prima dell’intervento di asfaltatura e nel piano inferiore si rivedono transenne che impediscono nuovamente di parcheggiare come documentato.

     

    Anche l’ingresso del parcheggio dopo 5 anni come asfaltatura non è messo molto bene per non parlare della pedonabilità del marciapiede.

     

    Per finire anche le cannelle, ormai segnalate da più di un anno invece di essere rimesse in funzione vengono rimosse come documentato.

     

    Come cittadino continuerò a monitorare come vengono impiegati i soldi delle nostre tasse e inviterei anche la popolazione a sollevare i problemi perché solo in questo modo possiamo uscire da questo immobilismo che è sotto gli occhi di tutti.

     

    Per concludere, ringrazio anticipatamente l’amministrazione comunale per l’attenzione, ma a gennaio ricorderò nuovamente le domande da me poste se non avrò risposte a tutte le domande.

     

    Marco Raveggi

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...