spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Attenzione in tutta Italia alla storia dei palloncini arrivati da Milano e raccolti da Cesare Tapinassi

    Stamattina Greve in Chianti si è svegliato su tutti i giornali nazionali: prime pagine, siti web. Da nord a sud tutti raccontavano la storia di Chiara, la bambina del comune di Bareggio (Milano) che ha affidato la sua letterina per Babbo Natale a cinque palloncini che, una volta sgonfiatisi in volo, sono planati in una vigna grevigiana dopo 280 km di volo.

     

    Dove Paolo Tapinassi, detto Cesare, storico fotografo di Greve in Chianti, l'ha raccolta. Diventando una sorta di "aiutante" di Babbo Natale, rispondendo (per lettera) alla bimba. Tranquillizzandola: Babbo Natale aveva ricevuto la lettera e uno dei regali chiesti sarebbe arrivato.

     

    Lo ha raccontato anche alla troupe di Mediaset arrivata per intervistarlo: giornalista e cameramen hanno prima parlato con il figlio di Cesare, Daniele, nel negozio di ottica in via Roma. Poi hanno incontrato il sindaco di Greve in Chianti, Alberto Bencistà, che ha anticipato che il Comune sta cercando di mettersi in contatto cona la famiglia di Chiara per invitarla a Greve.

     

    Infine, di ritorno dall'Abetone, Cesare ha raccontato la sua storia: una storia piccola a cui si stanno interessando in tanti, che "fa Natale" e che per un attimo ci distoglie da una situazione complicata e difficile. L'ha raccontato con il sorriso: il sorriso di un nonno che, a casa, ha due nipotine che hanno già preparato le loro letterine… .

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...