spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Licenziamenti annunciati alla Sacci, sindaci in difesa dei lavoratori: “Un fatto grave”

    Paolo Sottani e Massimiliano Pescini: "Serve al più presto un confronto con l'azienda e la Regione"

    GREVE IN CHIANTI-SAN CASCIANO – Appresa la notizia dalle organizzazioni sindacali, i sindaci Paolo Sottani (Greve in Chianti) e Massimiliano Pescini (San Casciano), fanno subito sentire la loro voce in merito al piano di riorganizzazione stabilito dalla Cementir-Sacci, la nuova società proprietaria del cementificio di Testi, che prevede una procedura di licenziamento per 83 persone a livello nazionale e 32 lavoratori dello stabilimento chiantigiano.

     

    “Siamo preoccupati – commentano – ed esprimiamo vicinanza ai lavoratori della Sacci. Come abbiamo fatto in passato, continuiamo a seguire le vicende del cementificio insieme sono state le organizzazioni sindacali e, in un secondo momento, il direttore dello stabilimento a metterci a conoscenza della situazione che è delicata e complessa".

     

    "Nonostante le rassicurazioni del direttore – proseguono – quello che ci è stato presentato come un intervento di riorganizzazione funzionale, che interessa un piano più ampio relativo a Testi e ad altri stabilimenti, di fatto porterà al taglio netto di un quarto della forza lavoro complessiva. Un fatto grave per il quale è necessario al più presto un confronto con l'azienda e un coinvolgimento diretto da parte della Regione Toscana".

     

    "Lavoreremo perché la forza lavoro venga recuperata – concludono – E' importante che il cementificio riparta ma è altrettanto importante che questo avvenga nella piena tutela dei diritti dei lavoratori. Le modalità che sono state scelte destano forti preoccupazioni e non possono essere in alcun modo condivise”.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...