spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lucolena, una intera giornata (con grande partecipazione) per dire no alla violenza sulle donne

    Organizzata dalla Pro Loco. La presidente Barbara Benucci: "Rimarcare questi concetti è importante, non possiamo passarci sopra"

    LUCOLENA (GREVE IN CHIANTI) – Domenica 27 novembre, per la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, la Pro Loco di Lucolena ha organizzato il pranzo sociale presso la casa del popolo ed una giornata di iniziative per sensibilizzare la comunità verso questa importante tematica.

    “Come Pro Loco sentiamo il dovere di non scordare un tema così importante per tutti noi” parla Barbara Benucci, presidente della Pro Loco di Lucolena, a nome di tutta l’associazione.

    “Riteniamo – prosegue – che rimarcare questi concetti sia importante e non possiamo passarci sopra. A nome dell’associazione vogliamo ringraziare chi, con noi, ha partecipato a questa giornata e ci ha aiutato nell’organizzazione”.

    “Come ogni anno, sono intervenuti tanti paesani e non solo – continua – abbiamo avuto la visita del sindaco Paolo Sottani, che ha ridato valore alla Panchina Rossa, abbiamo avuto una bellissima mostra di quadri dell’artista Daniela Vinattieri. E un testo con poesia annessa di Alessia Anichini. Tutte iniziative che hanno arricchito la giornata”.

    “Come Pro Loco – conclude Barbara Benucci – siamo costantemente impegnati per creare una comunità consapevole, unita e coesa. Per le piccole frazioni come la nostra crediamo che sia importante impegnarsi nei confronti della comunità e per questo ringraziamo infinitamente chi ci aiuta e speriamo sempre in nuovi cittadini che vogliono unirsi a noi per aiutare questa piccola comunità”.

    Ti amo.

    Una carezza.

    Ti amo.

    Mi dispiace.

    Ti amo.

    Non succederà più.

    Ti amo.

    Perdonami.

    Ti amo. Sono stressato, il lavoro mi opprime.

    Ti amo. Una carezza sul livido.

    Ti amo. Un fazzoletto per asciugare le lacrime.

    Ti amo. Un vestito nuovo per una cena fuori.

    Ti amo. Sembra tutto normale.

    Ti amo. Poteva essere normale, ma sono stressato, il lavoro mi opprime.

    Ti amo. Metti una sciarpa, ad agosto, per nascondere qualcosa.

    Ti amo. Tra gli schiaffi, le urla, le mani che non sfiorano, ma fanno male.

    Ti amo. Una mano sulla bocca a bloccare le urla perché fa male.

    Ti amo. Un fiore. Una foto. Il silenzio. L’eterno silenzio.

    In Italia le donne vittime di violenza sono un dato in continuo aumento. In Italia ogni tre giorni viene uccisa una donna.

    Dall’inizio del 2022 sono state uccise 77 donne. Di queste, 42 hanno trovato la morte per mano di un loro compagno o di un ex.

    Per Ilaria, Lilia, Giuseppina, Alessandra, Silvana, Marzia, Valentina, Debora, Nadia, Domenica, Cristina, Donatella, Elisabetta.

    Per tutte loro, per le altre, per le donne che stanno combattendo una battaglia che nessuno dovrebbe combattere, in questa giornata che non dovrebbe aver senso di esistere.

    Basta.

    Basta violenza sulle donne.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...