spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alessio e Filippo uniti in matrimonio a Greve, tra cavalli, poesia ed emozioni

    Il sindaco Paolo Sottani ha celebrato l'unione civile sabato pomeriggio davanti a numerosissimi invitati

    GREVE IN CHIANTI – Alle 17 in punto, nel pomeriggio di sabato 9 dicembre al palazzo comunale in piazza Matteotti di Greve in Chianti, il sindaco Paolo Sottani ha celebrato l'unione civile tra Filippo Serni, chiantigiano DOC originario di Panzano, e il suo compagno Alessio Gasperini.

     

    Numerosissimi gli invitati alle nozze, tra amici e parenti degli sposi, radunati nella piazza di fronte al palazzo comunale insieme ad Alessio, che (da grande appassionato di equitazione quale è) ha atteso l'arrivo del suo compagno in sella a un possente cavallo nero.

     

    Grida e clamore della folla quando Filippo, avvolto in un lungo mantello nero, è sceso dalla macchina e si è avvicinato (un po' con stupore alla vista del cavallo) al suo sposo, abbracciandolo e commuovendosi.

     

     

    Accomodati al cospetto del sindaco, con alle spalle la stanza della grande sala del consiglio gremita di invitati, Filippo e Alessio erano davvero emozionati.

     

    Legati da una relazione di tre anni e mezzo, “nata – parla con emozione Alessio – da un incontro casuale un giorno, ci siamo accorti di essere fatti l'uno per l'altro dal primo momento che ci siamo visti”.

     

    “Conviviamo già da tempo – continua Filippo – ed entrambi aspettavamo questo momento da un anno, da quando abbiamo iniziato a parlare di sposarsi”.

     

    “Una scelta – ci dicono – davvero impegnativa e soprattutto un traguardo che ci eravamo proposti di raggiungere insieme. E oggi possiamo dire di essere arrivati al nostro traguardo”.

     

    Sottani, commosso, ha espresso alla coppia i suoi migliori auguri, sottolineando con  parole cariche di emozione che “l'amore è amore per tutti”.

     

    “E – ha sottolineato il sindaco di Greve –  non deve assolutamente esistere alcuna discriminazione di genere in amore, ma bisogna essere liberi di amare chi vogliamo”.

     

    È intervenuta anche Miriam Serni Casalini, scrittrice e poetessa (nonché nonna di Filippo), che ha ribadito di fronte agli sposi il suo grandissimo affetto nei loro confronti e ha augurato a entrambi “il dono di una felicità duratura e il miglior proseguimento della loro storia”.

     

     

    Uniti ufficialmente da Sottani con scambio di fedi e firme, gli sposi hanno ricevuto un lungo e fragoroso applauso da parte di tutti i presenti, che hanno gridato ed esultato euforici alle loro spalle.

     

    Un applauso interminabile, concitato e condiviso. Un'acclamazione generale del pubblico, che ha lasciato intendere quanto il traguardo raggiunto da Filippo e Alessio sia anche un importante traguardo raggiunto dalla società.

    di Cosimo Ballini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...