spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “M’illumino di meno” a Greve in Chianti, musica e divertimento a km zero

    Venerdì 1 marzo alla Cdp di Greve. Con "I suonatori a bacìo" di Panzano in Chianti

    GREVE IN CHIANTI – Come ogni anno Tiravento e Arci aderiscono a "M'illumino di Meno", la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata nel 2005 dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio2 che invita a spegnere o abbassare tutte le luci che non sono indispensabili e a promuovere stili di vita sostenibili. Un'iniziativa di sensibilizzazione e concreta che fa del bene al pianeta e ai suoi abitanti.  

     

    Si comincerà alle 19.30 con apericena rigorosamente a lume di candela e si proseguirà con una bella serata in musica con i "I suonatori a bacìo", il nuovo assetto della band di Panzano in Chianti, "a km zero" e in cui si esibiranno Romeo Gatti (chitarra e voce), Nicola Neri (mandolini, flauti e voce), Doriano Bordoni (basso), Giovanni Gummarra (tastiera) e Carlo Fagiani (batteria). 

     

    Con l'occasione sarà anche presentato il progetto Lilliput, realizzato con la partecipazione dell'Associazione Tiravento, per il sostegno a distanza di famiglie colpite dal terremoto nel Centro Italia. Saranno presenti Rosella Luchetti e Riccardo Rigatti

     

    Una serata dedicata alla nostra Terra, usurata e a rischio come dimostrano i cambiamenti climatici, e alla necessità riaffermare il valore di dell’economia circolare, del riuso, del riciclo e della riduzione degli sprechi.  

     

    Per chi lo desidera sarà disponibile un banchetto per barattare oggetti e vestiti di cui non si sente più il bisogno ma che possono trovare una nuova vita a casa di altri

     

    Sono invitati tutti i cittadini, grandi e piccoli. Ingresso gratuito.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua