spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Montefioralle, auto rubata a turisti svizzeri. Ritrovata: ma derubati di bagagli, soldi e documenti

    All'interno era stata lasciata una borsa con dentro le chiavi di scorta. Ma ancora una volta, si torna a chiedere l'installazione di telecamere in paese

    MONTEFIORALLE (GREVE IN CHIANTI) – Furto nel pomeriggio di oggi, domenica 6 agosto, nel borgo di Montefioralle.

    Dove, soprattutto nel periodo turistico, episodi del genere si sono ripetuti negli anni: tanto da spingere i residenti a chiedere l’installazione di telecamere di sorveglianza.

    Telecamere che sarebbero importanti anche per le forze dell’ordine, che a loro volta ne hanno caldeggiato l’installazione in vari punti del territorio.

    Ma veniamo a quanto avvenuto oggi: quando l’auto di alcuni turisti svizzeri è stata portata via da uno dei parcheggi del borgo.

    Uno dei finestrini, infatti, è stato spaccato. All’interno era stata lasciata una borsa, con dentro le chiavi di scorta del mezzo.

    I ladri hanno quindi messo in moto e sono andati via con l’auto.

    I turisti, disperati, si sono rivolti ad alcuni residenti in paese. Che li hanno sostenuti, aiutati e portati dai carabinieri della Stazione di Greve in Chianti.

    Proprio mentre erano nella Stazione di via della Pace, è arrivata la notizia del ritrovamento dell’auto.

    Lasciati dai ladri a poca distanza da Montefioralle, in direzione Montefili.

    Erano stati portati via i bagagli, con soldi e documenti: disperati i turisti, che si sono ritrovati senza niente e con l’auto da riparare.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...