spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ex dipendente comunale, non aveva ancora 60 anni: grande appassionato di caccia

    Sbigottiti, disperati. Gli amici cacciatori, gli ex colleghi in Comune non riescono a darsi pace: la notizia è arrivata come un fulmine nella mattinata di giovedì 11 aprile. Terzo Guarducci, 60 anni da compiere il prossimo 9 maggio, ha finito la sua corsa in una scarpata delle colline grevigiane.

     

    Pare però che non sia stato l'incidente a togliergli la vita, ma forse un attacco di cuore che poi l'ha fatto finire fuori strada con la sua auto. Quali che siano le cause purtroppo l'esito è quello che nessuno si sarebbe mai immaginato: panzanese, "cinghialaio" come si dice nelle nostre zone, Terzo aveva lavorato a lungo presso il Comune di Greve in Chianti.

     

    Prima come elettricista, al cantiere comunale. Poi come necroforo nei cimiteri del territorio. Era andato in pensione nel gennaio 2011, salutato dai colleghi e dal sindaco Alberto Bencistà, che gli aveva consegnato un riconoscimento da parte dell'amministrazione comunale.

     

    Verrà sepolto nel cimitero di Panzano in Chianti, uno di quelli che ha accudito con grande cura nei suoi anni di lavoro. E ancora una volta il nostro territorio perde un elemento di quelli che sarà davvero impossibile dimenticare.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua