spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Claudio Merciai, 60 anni, geometra del Comune. Inutile anche l’elisoccorso

    POGGIO ALLA CROCE (GREVE IN CHIANTI) – Si può morire anche così, punti da un calabrone mentre sei in giardino in una normalissima domenica mattina. Mentre ti dedichi alle tue passioni, magari pensando ai progetti da mettere in campo una volta che andrai in pensione.

     

    A Greve in Chianti c'è incredulità, sgomento e sconforto per quanto accaduto nella mattina di oggi, domenica 29 settembre, al geometra del Comune di Greve in Chianti Claudio Merciai.

     

    Sessant'anni compiuti a febbraio, Merciai era nel giardino dell'agriturismo di famiglia in località Il Colle, nella zona del Poggio alla Croce. Lo shock seguente alla puntura è stato tremendo: a niente è valso neanche l'intervento dell'elisoccorso Pegaso che l'ha trasportato all'ospedale di Careggi.

     

    L'uomo non ce l'ha fatta, il suo cuore non ha retto, gettando i propri familiari e tutta la comunità grevigiana nella disperazione.

     

    Affranti il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà e il vicesindaco Paolo Sottani, subito informati dell'accaduto: una domenica cupa, che a Greve in Chianti ha il colore nero della notte.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...