spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mostra di pittura a La Macina di San Cresci: le pennellate di colore di Richard Kattman

    Sei grandi tele 170 x 170 cm, con le straordinarie pennellate di colore dell'artista statunitense: ecco come potete visitarla

    GREVE IN CHIANTI – “I Colori del Chianti”, ovvero le opere di Richard Kattman a La Macina di San Cresci.

    Presso il centro espositivo nel complesso della Pieve di San Cresci, troverete sei grandi tele 170 x 170 cm, con le straordinarie pennellate di colore dell’artista statunitense.

    Nelle opere, forme e colori, si combinano e si generano in assoluta libertà, esprimendo la ricchezza e pienezza della vita attraverso una pittura che tende verso un’astrazione sempre più ammantata di lirismo.

    Pennellate saettanti, stesure ampie e materiche intrise di luce, si intrecciano ad un’esuberanza cromatica che dona ai dipinti movimento ed energia.

    Le opere di Kattman ci traghettano direttamente verso una gioia visiva in cui convivono spiritualismo e sensualità, in cui tutto è percorso da un fremito di vita.

    Richard Kattman, vive e lavora a Boston (Stati Uniti d’America).

    E’ un artista che oltre a dedicarsi con grande passione alla pittura, con eguale dedizione si occupa di architettura del paesaggio per professione.

    Urban design, progetti residenziali e pianificazione di spazi verdi pubblici, commerciali e industriali sono i suoi ambiti.

    Ha ricevuto numerosi premi da American Society Landscape Architects e Nationale Association Landcsape Contractors.

    E’ stato artist-in-residence a La Macina di San Cresci.

    Per visitare la mostra, chiamare il 3357177497. In omaggio la rivista con la storia del centro culturale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...