spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Multiutility, inceneritori, gassificatori: serata organizzata dal M5S a Greve. C’è anche l’ex sindaco Alberto Bencistà

    Venerdì 20 gennaio alla casa del popolo grevigiana: "Quali informazioni sono state fornite per capire dove ci porterà questo progetto e quali garanzie verranno fornite ai cittadini?"

    GREVE IN CHIANTI – La nascita della multiutility regionale, la Spa per i servizi. E poi gli inceneritori, i gassificatori. 

    Il MoVimento 5 Stelle di Greve in Chianti ha organizzato una serata per parlare di questi temi, prevista per venerdì 20 gennaio alle 21 alla casa del popolo grevigiana.

    Fra gli organizzatori, uno dei volti storici del M5S grevigiano, Sonia Butini. E l’ex sindaco (per tre mandati) di Greve in Chianti, Alberto Bencistà (che si occuperà dell’introduzione della serata).

    “L’amministrazione comunale di Greve in Chianti – dicono gli organizzatori – da tempo ha approvato il progetto Multiutility, ovvero di una società mista pubblico-privato per la gestione dei servizi locali di raccolta e smaltimento rifiuti, gestione dell’acqua, del gas e dell’energia”.

    “Quali informazioni – domanda il M5S grevigiano – sono state fornite per capire dove ci porterà questo progetto e quali garanzie verranno fornite ai cittadini? I servizi miglioreranno o peggioreranno? Le tariffe diminuiranno o aumenteranno?”.

    Se ne parlerà, come detto, il 20 gennaio prossimo alla casa del popolo di Greve in Chianti.

    Con Rossano Ercolini (presidente Ass. ZeroWaste Europe, direttore del Centro di Ricerca Rifiuti Zero); Mauro Cardone (Associazione Trasparenza per Empoli), Andrea Quartini (deputato MoVimento 5 Stelle).

    Per maggiori informazioni: Alberto Bencistà (3346709108); Sonia Butini (3284020070).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...