spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Greve in Chianti (il 21 marzo) riaprono le porte del Museo del Vino

    Rinnovato e arricchito con i manifatti raccolti negli anni di Stefano e Lorenzo Bencistà Falorni

    GREVE IN CHIANTI –  Il 21 marzo alle 18 riaprono ufficialmente le porte del Museo del Vino di Greve in Chianti, con un evento inaugurale in cui Lorenzo e Stefano Bencistà Falorni presenteranno agli invitati una selezione della storica collezione espositiva.

     

    Un museo che celebra due secoli di tradizione artigiana e vitivinicola del Chianti, con manufatti raccolti negli anni da Lorenzo e Stefano, in grado di testimoniare l’evoluzione delle tecniche produttive del vino, dalla pigiatura, all’imbottigliamento, all’etichettatura.

     

    Una sala espositiva che è un omaggio della famiglia Falorni al proprio territorio e alla sua storia, nato dalla volontà di custodire e mostrare ai visitatori l’autentica “cultura del vino”  chiantigiana.

     


     

    Dall’Enoteca, al Museo, all’Antica Macelleria: una gustosa scoperta della ricchezza enogastronomica chiantigiana. Il museo del vino è stato concepito come tappa della “Falorni Experience”, un percorso libero che consentirà ai visitatori di conoscere ed assaggiare le migliori specialità enogastronomiche del Chianti, prodotte e selezionate dalla stessa famiglia.

     

    Iniziando con una degustazione di vini del territorio presso l’Enoteca Falorni, si potrà infatti proseguire con una visita guidata e gratuita del museo, per poi concludere in bellezza, se lo si desidera, con un assaggio delle specialità gastronomiche di Antica Macelleria Falorni, un pranzo o un aperitivo al Falorni Bistrò.

     

     

    Tutti i giorni saranno disponibili due tour guidati al museo con partenza dall’Enoteca Falorni alle 11.30 e alle 17.30.  In alta stagione verrà messo a disposizione un terzo tour, con partenza da Antica Macelleria Falorni.
     

    Guide, NCC e Operatori Turistici potranno richiedere l’iscrizione al programma Ambasciatori, un programma di valorizzazione ideato dal gruppo che si rivolge a coloro che permettono quotidianamente di scoprire il Chianti ai turisti di tutto il mondo, e richiedere anche la speciale card presso i punti vendita con la quale accedere liberamente all’esposizione, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...