spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola di Musica di Greve, il maestro Rinaldi ospite negli Stati Uniti per un master

    Alla Connecticut Virtuosi Chamber Orchestra di New Britain insegnerà le musiche di Vivaldi, Corelli, Respighi

    GREVE IN CHIANTI – Il maestro Luca Rinaldi, violinista e presidente dell’associazione Scuola di Musica di Greve in Chianti, partirà tra pochi giorni ospite della Connecticut Virtuosi Chamber Orchestra di New Britain, negli Stati Uniti. Sarà titolare di un master d’orchestra su musiche di autori italiani quali Vivaldi, Corelli, Respighi.

     

    Lo studio sarà finalizzato all’esecuzione di due concerti inseriti nella “20th Anniversary Season” dell’associazione americana dei quali il M° Luca Rinaldi sarà protagonista. I concerti si terranno il 9 e il 10 dicembre prossimi rispettivamente a New Britain e nella capitale del Connecticut, Hartford.

     

    La Connectitut Virtuosi Chamber Orchestra in collaborazione con la Connecticut Lyric Opera e il Comune di Greve in Chianti, sono le associazioni organizzatrici del Greve Opera Academy and Music Festival nato nel 2015, con sede a Greve in Chianti, al quale partecipano allievi da tutto il mondo, per apprendere con docenti prestigiosi, in un luogo culla di storia e di grandi piaceri, con la finalità stessa di preparare produzioni operistiche da presentare in Toscana durante la stagione estiva.

     

    Questa importante collaborazione produce una sinergia ed uno scambio culturale che coinvolge sempre di più le comunità interessate e i giovani allievi coinvolti. La scuola di musica e la comunità di Greve in Chianti  "con grande orgoglio augurano al M° Luca Rinaldi un “in bocca al lupo”.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...