spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Opportunità di lavoro a Greve in Chianti: a breve Vignamaggio aprirà “La Fattoria”

    Dopo 5 anni di lavori di restauro ridà vita alla vecchia Fattoria di Montagliari. Si cercano varie figure fra sala, cucina, pulizie e vendite. Tutte le info utili

    GREVE IN CHIANTI – In vista dell’apertura de “La Fattoria”, la tenuta Vignamaggio è alla ricerca di personale di sala e cucina.

    Si cerca personale qualificato e con esperienza in grado di guidare il team, ma si offrono anche contratti per giovani studenti desiderosi di imparare.

    Tra le varie figure ricercate:

    • Per la sala: cameriere, aiuto cameriere, barman e aiuto barman

    • Per la cucina: cuoco, aiuto cuoco e lavapiatti

    • Un addetto alle pulizie del locale

    • Un addetto alle vendite dirette

    La Fattoria di Vignamaggio riapre dopo 5 anni di lavori di restauro e ridà vita alla vecchia Fattoria di Montagliari, in via di Montagliari 29.

    La Fattoria è il cuore produttivo di Vignamaggio e offrirà esperienze culinarie, degustazioni, visite guidate, workshop e vendita diretta dei nostri prodotti.

    Con un ristorante dal-campo-al piatto, immerso in una cornice idilliaca, in cui gli spazi interni ed esterni si confondono in una grande terrazza vetrata che offre scorci pittoreschi sulle colline dell’Alta Val di Greve, la Fattoria sarà uno spazio poliedrico dedicato al bel (e buon) vivere.

    Si offre inizialmente un contratto stagionale di 3 mesi afferente al settore Agrituristico, con possibilità di prolungamento.

    Per ogni informazione o per inviare il proprio curriculum vitae: lavoro@vignamaggio.com.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...