spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Piazza della Resistenza e Largo Finetti: i dettaglio sui nuovi parcheggi a pagamento

    Il Comune di Greve ha diffuso la regolamentazione ufficiale. Il via l'1 novembre. Tutele per i residenti

    GREVE IN CHIANTI – Il Comune di Greve in Chianti ha ufficialmente diffuso la regolamentazione che riguarda l'istituzione delle due nuove aree di parcheggio a pagamento nell'abitato del capoluogo: Largo Enrico Finetti (esclusi i residenti) e il piano inferiore coperto di Piazza della Resistenza.

     

    La sosta a pagamento in tali aree sarà attiva dalle 9 alle 20 dal lunedì alla domenica ed avrà inizio da martedì 1 novembre.

     

    In tali aree saranno applicate le seguenti tariffe: dal 1 marzo al 31 ottobre: 1 euro ogni ora, rapportata alla frazione, importo minimo 0,50 euro; dal 1 novembre al 28 febbraio: 0,50 euro ogni ora, rapportata alla frazione, importo minimo 0,30 euro. La sosta sarà quindi gratuita dalle 20 alle 9 del giorno successivo.

     

    In Largo Finetti i residenti in tutto il Comune di Greve in Chianti saranno esclusi dal pagamento della tariffa, con l'obbligo di esporre in modo ben visibile una copia della carta di circolazione del proprio veicolo, dove sono riportati la targa e gli estremi di residenza.

     

    Per motivi di privacy, dalla copia esposta della carta di circolazione potranno essere cancellati il nome, il cognome, la data di nascita, la via e il numero civico di residenza del proprietario del veicolo.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...