spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il candidato sindaco di Centrosinistra: “Anche per questo abbiamo rotto con loro”

    GREVE IN CHIANTI – Non fa riferimenti diretti, ma tutto rimanda alla bagarre nata a partire dall'intervista-choc rilasciata lunedì 5 maggio al Gazzettino del Chianti dal sindaco uscente Alberto Bencistà (clicca qui per leggerla).

     

    "Lo diciamo da tempo – sono parole del candidato sindaco di Centrosinistra per Greve Giulio Pecorini – innanzitutto come cittadini, stanchi di assistere da troppi anni ai continui battibecchi, personali e sterili, tra i soliti protagonisti della scena amministrativa locale".

     

    "I grevigiani sono stanchi – accusa – esasperati, sfiduciati da una classe politica che non sa fare altro che attaccarsi personalmente, gettare fango, coprire i problemi veri di chi abita il nostro territorio sotto una fitta cappa di accuse, controaccuse e risentimenti. Ci chiediamo a chi giovi tutto questo. Certamente non a chi è costretto a convivere ogni giorno con i problemi veri e pretende, da chi si candida ad amministrare il nostro territorio, risposte e progetti concreti".

     

    "E' anche per questo – tiene a specificare Pecorini – che abbiamo deciso di rompere con il gruppo che sostiene Paolo Sottani e consentire ai tantissimi cittadini delusi da un partito democratico che ha scelto la strada della conservazione e, ancora un volta, della personalizzazione, di votare per il cambiamento vero".

     

    "Sono già tanti – annuncia – gli elettori del centrosinistra e del Pd che ci stanno dando fiducia, in questi primi giorni di campagna elettorale, perché la delusione, lo ripetiamo, monta giorno dopo giorno. A loro, e a tutti coloro che di fronte alle insopportabili schermaglie tra sindaci, ex sindaci, ex vicesindaci, assessori pentiti, hanno un moto di repulsione, diciamo che questa volta è possibile davvero cambiare. Non cambiare passo, ma cambiare tutto".

     

    "Noi – conclude Pecorini – l'abbiamo chiamata "la rivoluzione col sorriso", voi chiamatela come volete. Ma aiutateci a mettere fine a questo clima, a questo stile, a questo modo di fare politica che non fa che allontanare le persone da quello che noi vogliamo mettere al centro dei prossimi cinque anni a Greve in Chianti: la buona politica al servizio dei cittadini".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...