spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 1 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per i giardini pubblici di Strada in Chianti (e non solo) le “Mamme del Chianti” in caccia di soluzioni

    Non solo critiche per la gestione, ma anche l'impegno per cercare di portare soluzioni all'amministrazione comunale. Tanto che hanno aperto anche una mail: le abbiamo incontrate

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – La chiusura delle scuole porta maggior affluenza dei bambini e dei loro accompagnatori nei luoghi di ritrovo.

    Il nostro bellissimo territorio presenta tanti giardini pubblici, ma purtroppo talvolta questi spazi sono sempre meno accessibili, a volte anche pericolosi, per i bambini.

    Un gruppo di mamme che frequentano i giardini di Strada in Chianti vogliono portare all’attenzione dell’amministrazione e dell’opinione pubblica le condizioni del più grande giardino della frazione. E lanciano una proposta.

    Abbiamo incontrato, proprio in quei giardini, su delle panchine ed un tavolo un po’ precari, Raffaella Gambone e Scennune Orioli. Due mamme che, con i loro bambini, frequentano abitualmente i giardini.

    “Con tutto quello che i bambini hanno passato è fondamentale per loro stare all’aperto, giocare, svagarsi e divertirsi in sicurezza – cominciano così – Ma qui purtroppo la sicurezza non c’è più”.

    “I giochi continuano a sparire – proseguono – perché si rompono e non vengono sostituiti. E quelli che ci sono, visto che non vengono curati (e bisogna dire anche poco rispettati dagli alcuni utenti), diventano sempre più fatiscenti e, piano piano, più pericolosi. La rete di recinzione è rotta, e i bambini rischiano di entrare nella variante. Dove alcune auto pensano di essere su un circuito automobilistico…”.

    “La nostra volontà non è quella di fare polemica sterile – proseguono – e infatti vogliamo essere propositive. Abbiamo creato una mail, mammedelchianti@gmail.com, attraverso la quale chiediamo a chi vuol mandare delle idee e delle proposte di utilizzarla per mettersi in contatto con noi”.

    “Abbiamo tante idee – anticipano – e siamo sicure che molte altre potrebbero arrivare da chi vive i paesi. In questo caso stiamo parlando di Strada in Chianti, ma siamo sicure che ogni paese abbia simili problemi”.

    “Oltre ai giardini – dicono – un altro grande problema è che non ci sono spazi organizzati o gestiti per i bambini e per i ragazzi. Ci piacerebbe molto che le tante associazioni del paese, insieme ai genitori e all’amministrazione, riuscissero ad organizzare degli spazi, delle stanze per esempio, come una ludoteca per i bambini, utilizzabile anche in inverno”.

    “Un’altra idea – proseguono – potrebbe essere quella di dare in gestione un baracchino a dei ragazzi, messo nei giardini, dove possano fare un piccolo bar e poter organizzare qualche attività usando la piazza del mercato. Un cinema all’aperto, dei piccoli concerti, qualche attività che renda vivo questo paese e che responsabilizzi i ragazzi a gestire correttamente gli spazi di pubblici”.

    “Abbiamo mandato anche una mail all’amministrazione – fanno sapere – alla quale l’assessore Simona Forzoni ha risposto (e la ringraziamo). Capiamo la difficoltà di gestione, per questo crediamo di dover avviare un percorso diverso, e per questo speriamo di ricevere adesioni ed idee attraverso la mail”.

    “Per poter poi incontrare – concludono – l’amministrazione e le associazioni del territorio. E trovare tutti insieme una strada nuova da percorrere per rendere più sicuro e vivo il giardino di Strada in Chianti. E tutto il nostro territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua