spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’Altana di Verrazzano viene dedicata alla splendida signora panzanese

    Miriam Serni Casalini attraversa la sua vita con la leggerezza nella penna e lo sguardo della fanciulla. Osserva la natura dal suo nido di Panzano in Chianti: ogni giorno va nel suo "ufficio" nella Macelleria Cecchini. Discorre con Dario della vita, del tempo, delle stagioni.

     

    Scrive molto Miriam. Il suo "Buglione" è un libro entrato di forza nella storia della letteratura toscana. Popolare, di grande finezza, semplice nel linguaggio, delicato nella sua veracità.

     

    Stavolta una delle poesie di Miriam è finita direttamente… nella ceramica. E' stata infatti "forgiata" in fornace e poi apposta sulla terrazza coperta del Castello di Verrazzano da parte di Luigi Cappellini, che ha dedicato questo spazio straordinario, l'Altana, proprio a Miriam.

     

    Un onore: qui arrivano persone da tutto il mondo e guardano quel Chianti che Miriam ha mirabilmente descritto.

     

    "Dall'Altana di Verrazzano

     

    Vastità di cielo

    Come l'abbraccio d'una madre,

    chiude l'immenso spazio.

     

    Quinta di colli,

    geometrie di vigne

    perse in fastelli di luce,

    complici i cipressi.

     

    Barbaglia glauco d'olivo,

    o forse è argento.

     

    Gioca nel vento

    la vela d'un falchetto,

    là sui castelli,

    e poi scompare.

     

    M'affaccio di quassù

    su questo mare,

    socchiudo gli occhi.

    E mi smarrisco"

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua