spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I socialisti grevigiani: “Grazie a un clima nuovo Greve potrebbe uscire da cinque anni di Medioevo”

    GREVE IN CHIANTI – Definiscono la presa di posizione del vicesindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani (in piedi nella foto), che nei giorni scorsi ha chiesto meno personalismi e maggior attenzione alle problematiche concrete, in particolare su imprese e urbanistica, (clicca qui per leggere l'articolo), una "liberazione".

     

    A dirlo sono i socialisti di Greve in Chianti, che in un documento esprimono la loro posizione su quella che pare destinata ad essere la situazione politica futura (parliamo del centrosinistra). In cui il Pd grevigiano pare davvero destinato ad andare alle primarie.

     

    Il tutto in una fase in cui si aspetta, probabilmente a ore, la presa di posizione ufficiale del sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà (seduto nella foto).

     

    "Noi socialisti – spiegano – viviamo lo “strappo” del vicesindaco Paolo Sottani con sincero senso di liberazione. Liberazione da una politica vecchia, mai propulsiva e propositiva, in una parola inutile. Dalle molte parole e dai pochi, pochissimi, fatti. Dai convegni, dalle commissioni, dalle infinite assemblee e dalle loro nulle conclusioni pratiche".

     

    "Dalle promesse fatte e mai mantenute – proseguono – Dal ruolo sovrano del sindaco e dalla sua incapacità di delegare funzioni all'interno dell'amministrazione. Dalla ricerca del colpevole prima di quella della soluzione".

     

    "Dispiace solo che alle stesse conclusioni noi fossimo giunti circa tre anni fa – dicono ancora –  senza che nessuno allora abbia richiesto al Sindaco un cambio di passo. Ma, come si dice dalle nostre parti, la ragione si dà ai “bischeri”. Quindi noi né la chiediamo né la vogliamo".

     

    Infine una conclusione, che sa tanto anche di un "ponte" lanciato verso Sottani: "Oggi, felici delle posizioni espresse dal vicesindaco, vogliamo fare quello che abbiamo sempre detto: ricreare un progetto di centro-sinistra capace di occuparsi del futuro del Comune di Greve con occhi giovani, responsabili e pratici. Per uscire da questi cinque anni di medioevo grevigiano con uomini e idee nuove. Finalmente".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...