spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Crisi idrica. Pronti i serbatoi d’emergenza a Panzano in Chianti

    Publiacqua: "Un intervento che ha già dimostrato la sua efficacia nelle scorse siccità"

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Mentre a Lamole Publiacqua ha scovato un'utenza che effettuava dei consumi anomali ed enormi (5mila litri al giorno) ed ha passato tutti i riferimenti alk Comune di Greve in Chianti per i controlli del caso, sono pronti ad essere attivati i serbatoi d’emergenza di Panzano in Chianti.

     

    # ARTICOLO / Consumo anomalo di 5.000 litri al giorno scovato a Lamole da Publiacqua

     

    "Nonostante le precipitazioni di queste ore – precisa Publiacqua – scarse e poco significative per ricaricare le risorse locali a fini acquedottistici ed idropotabili, Publiacqua non abbassa la guardia sul fronte siccità e, contestualmente alle integrazioni con autobotte che stanno rifornendo il sistema Barberino Val d’Elsa-Tavarnelle attraverso la Centrale Sambuca e il deposito del Morrocco ed alle battute straordinarie di ricerca perdite attive su tutto il territorio del Chianti e degli altri comuni più a rischio, da oggi sono pronti ad essere attivati i due serbatoi d’emergenza a servizio di Panzano in Chianti".

     

    "Una misura – conclude Publiacqua – presa in conseguenza della costante riduzione di produzione dei pozzi a servizio della frazione e della secca del torrente Pesa. Un intervento che ha già dimostrato la sua efficacia nelle scorse siccità consentendo all’azienda di rifornire Panzano con trasporti di autobotte da Firenze verso appunto i due accumuli posizionati nei pressi del cimitero".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...