spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presso il circolo Acli a partire dalle 9.45. Fra i promotori, I’ Dolio e Pastificio Fabbri

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Per la gioia degli appassionati arrivano le auto d'epoca a Strada in Chianti. La giornata è fissata per domenica 29 settembre presso il circolo Acli Aurora, promotore dell'iniziativa in collaborazione con l'associazione auto storiche di Toscana, pastificio Fabbri e ristorante I'Dolio.

     

    Il programma prevede l'iscrizione delle auto direttamente presso il circolo alle 9.45. Le auto saranno accolte e potranno essere ammirate dai cittadini nel parcheggio sul retro del circolo.

     

    A seguire visita dell'antico pastificio Fabbri, giro panoramico delle colline grevigiane e pranzo al ristorante I'Dolio di Strada in Chianti. Un simpatico omaggio a tutti i partecipanti.

     

    "Voglio rivolgere un ringraziamento a chi si è adoperato per concretizzare l'iniziativa – dice l'assessore all'ambiente Simona Forzoni – e sono certa che vi sarà una grande partecipazione. Solo mettendo insieme più sinergie è possibile realizzare eventi di qualità che possono valorizzare il nostro territorio e le nostre realtà commerciali e associative".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...