spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Irruzione nella notte fra il 9 e il 10 agosto: ottantenne ferito da una coltellata

    SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – La notizia ha iniziato a fare il giro del paese nella giornata di sabato 10 agosto: del resto in un piccolo borgo come quello di San Polo in Chianti non poteva davvero essere altrimenti.

     

    E del resto una coppia di anziani coniugi, che vive vicino alla chiesa, sequestrata e rapinata nel corso della notte (quella fra venerdì 9 e sabato 10) non poteva che sconvolgere tutti. Sia per la notizia in sé, sia per le modalità con le quali la rapina è stata perpetrata. Davvero terribili.

     

    Il suono del campanello più o meno attorno alla mezzanotte, i due coniugi che si guardano straniti e che però aprono la porta. Dove si sarebbero trovati di fronte due persone con il volto coperto 8sembra parlassero italiano) che li avrebbero ricacciati in casa.

     

    Inizia l'incubo: l'uomo avrebbe provato anche a reagire, beccandosi per tutta risposta una coltellata in un braccio. Nel frattempo i due malviventi tirano fuori il materiale dai borsoni e, dimostrando una invidiabile conoscenza della casa in ogni sua parte, si dirigono verso la cassaforte.

     

    Per lunghi minuti vi operano e riescono ad aprirla, portando via il poco che c'era. Poi la fuga. L'uomo avvisa il figlio, che chiama i carabinieri e poi lo porta all'ospedale per curare la ferita al braccio.

     

    E San Polo (dove pare sia stato messo in atto anche il distributore di carburante) si interroga su un via vai di persone sospette notato nei giorni precedenti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...