spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore Secchi replica alle accuse dei consiglieri comunali di opposizione

    E' l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Greve in Chianti, Simone Secchi (primo da sinistra in foto), a replicare alle accuse di un gruppo di consiglieri comunali di opposizione che, lo scorso 26 dicembre, dal Gazzettino avevano criticato l'operato dell'amministrazione comunale in merito alla sicurezza delle strutture scolastiche (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "In relazione a quanto affermano i consiglieri di alcune liste di opposizione in consiglio comunale – spiega Secchi – di Greve, relativamente allo stato di presunta incuria delle strutture scolastiche del nostro comune, tengo a precisare che la situazione dei nostri plessi e l’impegno della nostra amministrazione è ben differente da quanto descritto dagli stessi".

     

    "Infatti – dice ancora – se sono innegabili le difficoltà oggettive relativamente alla realizzazione dei nuovi poli scolastici (patto di stabilità, blocco del mercato immobiliare e relativa riduzione delle entrate per oneri), non così è la situazione per quello che riguarda il programma delle manutenzioni ordinarie e straordinarie delle strutture scolastiche".

     

    "Tralasciando interventi minori di ordinaria manutenzione – prosegue Secchi – cito solo alcune opere che sono state condotte negli ultimi mesi e che erano attese da anni nelle diverse strutture scolastiche. Tengo anche a precisare che tutti gli interventi sono stati discussi e presentati in Consiglio di Istituto".
     

    Ed ecco la lista: agosto 2012, installate pale ventilanti in tutte le aule e negli ambienti comuni della scuola materna di Strada; settembre 2012, sistemazione con panchine del giardino di fronte all’ingresso alla scuola materna di Strada (per l’attesa dei genitori); ottobre 2012, realizzazione di un accesso separato per i bambini dei pulmini presso la scuola elementare di Greve;  ottobre 2012, installato sistema di allarme antifurto nella scuola elementare di San Polo; ottobre-novembre 2012, installato l’ascensore per accedere alla mensa delle scuole elementare e materna di Panzano; novembre-dicembre 2012, rifacimento integrale dell’impermeabilizzazione della copertura della biblioteca della scuola media di Greve; dicembre 2012 installazione e riparazione delle tende veneziane nelle scuole elementari di Panzano, Greve e Strada; dicembre 2012 installazione di nuovi ventilconvettori nelle palestre delle scuole media ed elementare di Greve e nel nido di Greti.
     

    "Per quanto riguarda la verifica sismica -prosegue Secchi – sugli edifici strategici, si tratta di un obbligo normativo (il cui termine è stato prorogato al 31 marzo 2013) che mette in difficoltà moltissime amministrazione per gli importi necessari a realizzare tali verifiche. Tengo a precisare che l’obbligo normativo riguarda verifiche teoriche di differente livello di approfondimento e non gli interventi che eventualmente si potrebbero rendere necessari in seguito a tali verifiche".

     

    "Il Comune di Greve – conclude – ha partecipato nel corso del 2012 ad un bando regionale per accedere a finanziamenti per realizzare tali verifiche ma non è risultato tra i vincitori, a causa anche del suo modesto livello di sismicità. Nonostante ciò, l’ufficio tecnico sta predisponendo una indagine di mercato per condurre nei prossimi mesi, con risorse proprie, le verifiche di legge".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...