spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incidente bus Erasmus: le famiglie delle vittime italiane presentano ricorso

    Contro la la decisione del giudice istruttore del tribunale di Amposta di archiviare l'inchiesta penale

    GREVE IN CHIANTI – Le famiglie delle sette vittime italiane (tutte ragazze) del terribile incidente del bus Erasmus che in Catalogna, il 20 marzo scorso, vide la morte di 13 studenti del progrmma di studi europeo, hanno presentato ricorso contro la la decisione del giudice istruttore del tribunale di Amposta, vicino a Tarragona, di archiviare l'inchiesta penale.

     

    Nell'incidente erano morte tredici studentesse, sette delle quali italiane. Tra loro tre giovani toscane: Elena Maestrini, 21 anni, Valentina Gallo, 22, e Lucrezia Borghi, 21, grevigiana.

     

    Le loro famiglie non ci stanno a farsi dire che non c'è stata nessuna colpa, che l'autista non ha nessuna repsonsabilità in quanto accaduto.

     

    L'avvocato toscano Cinzia Zanaboni ha quindi informato l'ambasciatore italiano in Spagna Alessandro Saracino (a Madrid) della presentazione del ricorso .
      

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...