spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “La Dama e l’ermellino”: iniziate le riprese del film del regista Lorenzo Raveggi

    Fra Impruneta e Greve in Chianti: debutto di Jasmine Carrisi, 17 anni, figlia di Al Bano e Loredana Lecciso

    GREVE IN CHIANTI-IMPRUNETA – Sono iniziate in questi giorni le riprese del lungometraggio “La Dama e l’ermellino” per la regia di Lorenzo Raveggi.

     

    Nelle location straordinarie in terra di Toscana, nel nostro territorio al castello di Mugnana e Villa il Leccio a Greve in Chianti e nella splendida villa Corsini di Impruneta, si è assistito al debutto di Jasmine Carrisi la diciassettenne figlia di Al Bano e Loredana Lecciso.

     

    La bionda attrice al suo esordio nei panni del personaggio di Isabella d’Aragona, ha dato il meglio di sé anche in modo inizialmente non atteso a tali livelli. Precisa, duttile e fortemente capace ha fatto rivivere la stessa Duchessa di Milano e Bari, indossando costumi di rara bellezza.

     

    L’attore Fabio Fulco interpreta Alfonso II di Napoli, padre della principessa aragonese. Il film si interseca fra il presente e il passato, in un tripudio di flashback che coinvolgono la protagonista dei tempi moderni, Vera Ricasoli, una dottoressa in storia dell’arte che viene afflitta da continue visioni e sogni.

     

    Alla vigilia dei festeggiamenti dei 500 anni dalla morte del grande maestro Leonardo Da Vinci, interpretato da Lorenzo Raveggi stesso, il regista tiene a dire che" in questa sceneggiatura ho messo gli sforzi più grandi della mia carriera, proprio per rendere omaggio al grande artista toscano".

     

    Le riprese riprenderanno nei prossimi giorni sempre in location da favola e nei migliori castelli del comune di Greve, Impruneta e Firenze. Proseguiranno a Napoli e Venezia.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...