spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primo franchising di un progetto che mira anche a sbarcare… a Hong Kong

    GREVE IN CHIANTI – Inaugurata ufficialmente la nuova "Risto-Bottega" della Macelleria Falorni di Greve in Chianti, allestita nel quartiere di Santa Croce (vedi sopra la carrellata di foto).

     

    Il progetto che fa parte di un più ampio piano di franchising che vedrà l’apertura di punti di degustazione nelle principali città italiane e non solo: si parla infatti già di contatti avviati per l’apertura di negozi su Milano ed Hong Kong. 

     

    La "Risto-Bottega" reinterpreta in chiave contemporanea la bottega (ambiente tradizionalmente deputato alla lavorazione e vendita delle merci), trasformandolo in luogo di incontro dove poter degustare, oltre che acquistare, le specialità alimentari del Chianti prodotte dalla storica macelleria grevigiana.

     

    Il progetto nasce dalla volontà aziendale di diffondere ed esportare la tradizione eno della terra in cui sorge, non solo valorizzandone i prodotti tipici, ma anche ricreando l’atmosfera del mangiare e bere bene, che da sempre caratterizza il territorio del Chianti.  

     

    Per chi non consuma in loco è prevista anche la possibilità di asporto in pratiche confezioni ecosostenibili “take away”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...