spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riflessioni sui primi mesi da parte di Khalid Maarhouf e del sindaco di Greve in Chianti

    Da ormai tre mesi le preghiere della comunità islamica grevigiana vengono regolarmente pronunciate nella sala di culto e preghiera allestita in pieno centro storico, a Greve in Chianti. E’ quindi possibile tracciare un primo bilancio della sua attività: a tirare le somme sono il sindaco Alberto Bencistà e Khalid  Maarouf, presidente dell’Associazione Culturale Islamica Grevigiana (che durante l’Expo del Chianti Classico 2012 è stato insignito dell’onorificenza di “Cittadino Emerito”).
     

    Si ritrovano una domenica mattina all’interno della sala di preghiera, che si anima per cinque-sei volte al giorno: per quella domenica sono previste preghiere alle 6.16, 7.42, 12.16, 14.22, 16.43 e 18.06. Tolte le scarpe, sindaco e presidente si accomodano sui tappeti.
     

    “L’esigenza di un luogo come questo – spiega Maarouf – c’era da sempre. Vi si riunisce circa una ventina di persone per 5-6 preghiere: chiaramente dipende molto anche dagli impegni di lavoro. Lo spazio è comunque molto vivo: ci ritroviamo, parliamo dei nostri problemi, cerchiamo di risolverli”.
     

    La maggior parte della comunità è impiegata nel settore agricolo, e sta risentendo in maniera molto pesante della crisi economica: “Questo spazio – sottolinea Maarouf – serve a dare anche aiuto e conforto. Del resto la nostra è una comunità fatta di famiglie, di uomini, donne e bambini. Ci conoscono tutti a Greve in Chianti, alcuni di noi si sono anche sposati con donne italiane”.
     

    Si respira un’aria molto tranquilla nella sala di culto: le preghiere sono di pochi minuti, guidate a turno da tre-quattro persone che leggono il Corano.
     

    “Sono orgoglioso – evidenzia il sindaco Bencistà – del comportamento e dell’operato dei rappresentanti della comunità islamica grevigiana. Che hanno dato la dimostrazione concreta ed esemplare di una corretta integrazione nella nostra realtà. Tutto questo è di buon auspicio per un futuro ancora migliore”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...