mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Ritrovamenti in serie durante i primi scavi per la realizzazione della variante alla Chiantigiana

    Sono passati ormai sessantanove anni dalla fine della guerra, ma ogni tanto torna alla luce qualche ordigno bellico. O per un caso fortuito, oppure perché si ha bisogno di compiere una bonifica prima di eseguire dei lavori.

     

    E di questi ordigni ne sono stati trovati già un paio tra il confine dei comuni di Greve in Chianti, Bagno a Ripoli e Impruneta, nell'ambito dei lavori preparatori per l'avvio della costruzione della variante alla Chiantigiana.

     

    Ritrovamenti eseguiti dai tecnici dell’azienda ABC General Engineering, specializzata nella bonifica da ordigni bellici e sminamento. L’ultimo in ordine di tempo è avvenuto qualche giorno fa sulla via Chiantigiana: si tratta di una granata tedesca, simile a quella rinvenuta all’inizio di febbraio sempre lungo la SS 222, a pochi chilometri da Strada in Chianti. In quell’occasione furono i carabinieri della Stazione di Strada a intervenire per delimitare la zona e la messa in sicurezza. 

     

    L’operazione di bonifica è effettuata per consentire la realizzazione della variante S.R.222 “Chiantigiana”. L’ordigno sarà fatto brillare da un reparto specializzato dell’Esercito nei prossimi giorni.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino