spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una serata (speciale) sull’alluvione di Firenze alla casa del popolo

    Sabato 19 novembre: fra memoria e attualità che ha in programma filmati, interventi di esperti, performance teatrali e musica

    GREVE IN CHIANTI – A cinquanta anni dall’alluvione di Firenze l’Associazione Tiravento e il circolo Arci di Firenze propongono, per sabato 19 novembre, alla casa del popolo di Greve, una serata fra memoria e attualità che ha in programma filmati, interventi di esperti, performance teatrali e musica.

     

    Sarà presentato il volume monografico “La grande alluvione” della Rivista Testimonianze alla presenza del geologo Giancarlo Ceccanti, Giorgio Federici, Segretario “Firenze2016-Toscana2016”, Marco Hagge, giornalista e curatore del  documentario  Rai “Arno il fiume dei toscani”, e di Severino Saccardi, direttore di Testimonianze.

     

    Seguiranno la performance di  Massimo Salvianti dallo spettacolo teatrale “Il filo dell’acqua”e gli interventi musicali di Marco Rossinelli della simpaticissima band “I Tolomei’s Brothers”.

     

    Una serata a più voci dunque, tra memoria, attualità  e proposte perché il cinquantesimo anniversario dall'alluvione di Firenze non sia solo una commemorazione ma una spinta verso una progettazione attiva per il futuro.

     

    Si comincerà alle 18.30 con la proiezione dei filmanti e si proseguirà la serata intervallando con un buffet offerto dai volontari. Sono invitati tutti i cittadini, i rappresentanti delle istituzioni e delle realtà associative del territorio. L’ingresso è gratuito.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...