spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Studenti in piazza per la memoria. Un coro di voci nelle piazze di Greve in Chianti per dire no all’indifferenza

    Il Comune organizza una serie di eventi commemorativi dal 27 gennaio al 3 febbraio con l'Istituto comprensivo, il Cinema Boito e le associazioni e i circoli del territorio

    GREVE IN CHIANTI – Sbarrare la strada all’indifferenza, agire nel quotidiano contro ogni forma di negazione dei diritti.

    Riflettere e approfondire sui temi dell’intolleranza, del razzismo, dell’antisemitismo perché i fatti del passato non ritornino mai più.

    Non solo un giorno, il 27 gennaio, ma un impegno, quello per la memoria e il ricordo delle vittime dell’Olocausto, che deve esprimersi tutto l’anno concretamente.

    E’ il messaggio che lanceranno in contemporanea dalle piazze di Greve, Panzano, Strada e San Polo in Chianti gli studenti delle scuole primarie e secondaria di primo grado del Comprensivo di Greve in Chianti in occasione della Giornata mondiale della Memoria.

    La mattina del 27 gennaio, alle ore 11, decine di ragazze e ragazzi daranno vita ad una serie di letture e canti alla presenza del sindaco Paolo Sottani e degli assessori Giulio Saturnini e Maria Grazia Esposito.

    “La Giornata della Memoria – dichiara il sindaco Paolo Sottani  – è un campana che suona per ricordare a tutti noi, nel presente, che il ricordo delle vittime del nazismo deve essere considerato uno strumento critico permanente”.

    “Necessario a tenere vigile la coscienza – riprende – a non abbassare mai la guardia. E a impegnarsi per contrastare le intolleranze; soprattutto per i giovani è importante riflettere e ripensare a quanto è successo, non limitandosi a leggere e studiare documenti e testi che appartengono ad un periodo della storia. Da loro ormai troppo distante e purtroppo sempre più carente di testimonianze dirette. Ma agendo  perché la lezione della memoria non si esaurisca mai”.

    “La memoria ha senso – continuano gli assessori Saturnini ed Esposito – se la si traduce nella consapevolezza di un impegno teso ad annullare ogni azione, ogni parola, ogni comportamento che fomenti indifferenza, terreno fecondo nel quale il germe dell’odio e della violenza ha permesso lo sviluppo dello sterminio nazista”.

    Il 27 gennaio, alle ore 18, dalla pagina Facebook e dal canale YouTube del Comune si terrà una diretta con le letture curate dalla Compagnia L’ultima fila.

    E alle ore 21.15 il programma culturale, allestito dall’amministrazione comunale, propone una proiezione gratuita del film “JoJo Rabbit” al Cinema Boito.

    Le iniziative dedicate alla memoria proseguono sabato 28 gennaio al Circolo Sms di San Polo in Chianti dove alle 16.30 è previsto un incontro aperto alla cittadinanza realizzato dalla Saletta-X Zone in collaborazione con Coop San Polo “Ragionamenti sulla memoria”.

    Si tratta di un girotondo di letture, presentazioni di libri, proiezioni di filmati e testimonianze con alcuni brani tratti dal documentario “Shoah” di Claude Lanzmann sullo sterminio degli ebrei.

    L’iniziativa offrirà l’occasione di riflettere sul tema “Le leggi razziali del ’38 e il loro impatto sul nostro territorio”, riferito al testo su una serie di provvedimenti legislativi e amministrativi in vigore in Italia tra 1928 e il 1945 volti ha penalizzare le persone ebree, approvato dal Consiglio dei Ministri il 10 novembre del 1938.

    Ultimo appuntamento, quello di giovedì 2 febbraio, in programma alle ore 10.15 al Cinema Boito, dove si terrà la rappresentazione teatrale dello spettacolo “La Luna e la scatola di latta” per la regia di Daniele Torrini, presentato e prodotto dalla Compagnia Il Teatro dell’inutile in collaborazione con l’associazione Do not forget.

    L’evento è curato dall’Istituto Comprensivo “Giovanni da Verrazzano” ed è rivolto agli studenti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...