spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sushi e menu toscano: a pranzo o a cena nel giardino (con piscina) del ristorante Diversus

    Ecco i nuovissimi (e ricchissimi) menu. Spiccano le collaborazioni con le macellerie Falorni e di Dario Cecchini. Serate a tema: il via l'1 maggio con il jazz. Restano anche asporto e delivery

    GREVE IN CHIANTI – La Toscana in zona gialla permette la consumazione al tavolo, e il ristorante Diversus, a Greve in Chianti, grazie al suo giardino con piscina è il posto ideale per ripartire.

    “Finalmente ci siamo – dice Francesco, manager del ristorante – si riapre con servizio al tavolo. Abbiamo la fortuna di avere un ampio spazio esterno, dove possiamo mantenere più delle dovute distanze per offrire a tutti i nostri clienti la possibilità di godersi una bellissima esperienza culinaria, in assoluta sicurezza”.

    Dal giovedì alla domenica – prosegue – siamo aperti sia a pranzo che a cena. Ovviamente rimane anche il servizio di asporto e la consegna a domicilio per chi ne fa richiesta”.

    “Ormai il sushi – aggiunge – con la sua qualità, ha conquistato un posto d’onore nel nostro ristorante e le continue ordinazioni dimostrano l’apprezzamento da parte dei nostri clienti. La testimonianza più importate è il fatto che tutti tornano a riprenderlo. La decisione di puntare sulla massima qualità, è sempre la scelta migliore e rappresenta la nostra filosofia da anni ormai”.

    “In quest’ottica ricominciamo subito – racconta entusiasta – anche con le nostre serate a tema. Sabato 1 maggio, la musica jazz dei SamEvidence, accompagnerà i nostri clienti dalle 18 alle 22 in un intrigante serata di buon gusto e relax”.

    “Offriremo due menù speciali – spiega Francesco – il nostro Sushi, con i pezzi di carne in collaborazione con l’Antica Macelleria Cecchini di Panzano ed un menù toscano, dove spiccherà la bistecca dell’Antica Macelleria Falorni“.

    “Il tutto – tiene a dire – accompagnato dai vini della nostra ricca cantina, dove potrete trovare i migliori rossi, dei bianchi incredibilmente buoni. Ma anche delle birre belghe introvabili in Italia”.

    “L’ingresso per la serata di sabato sarà gratuito per coloro che rimangono a cena da noi – prosegue – mentre costerà 10 euro per coloro che verranno solamente a fare una bevuta ed ascoltare un concerto Jazz da favola”.

    “Vogliamo ricordare a tutti che il nostro giardino con piscina, è il luogo ideale per ricominciare a mangiare al ristorante – rilancia Francesco – Le nostre specialità, il servizio impeccabile, gli ampi spazi, renderanno indimenticabile la prima uscita dopo tanto tempo. Ovviamente ci sono posti limitati e soprattutto per la cena la prenotazione è obbligatoria“.

    “L’asporto – conclude – rimane attivo nei medesimi giorni di apertura del ristorante, come sempre il servizio di consegna a domicilio è previsto nel comune di Greve in Chianti, San Casciano, Impruneta, Figline e Incisa Valdarno e Radda in Chianti. Ricordiamo la flessibilità e modulabilità dei nostri box per accontentarvi come meglio possiamo. Nella speranza di vedervi presto seduti ai nostri tavoli, vi aspettiamo a braccia aperte e sempre con il sorriso”.

    Informazioni e prenotazioni

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua