spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tari, il Comune di Greve: “Avvisi arrivati in ritardo, proroga di 20 giorni per il saldo”

    "Il pagamento potrà essere validamente effettuato, senza sanzioni ed interessi, entro 20 giorni dal ricevimento della documentazione"

    GREVE IN CHIANTI – Il Comune di Greve in Chianti informa che “sono attualmente in fase di recapito, da parte di Alia Servizi Ambientali Spa, gli avvisi di pagamento relativi al saldo della Tassa smaltimento rifiuti (Tari) per l’anno 2023”.

    “Gli avvisi – si precisa – hanno subito un ritardo nella consegna dovuto all’utilizzo, da parte del gestore, di nuovi sistemi operativi che hanno richiesto un riallineamento delle banche dati, dando luogo, per alcune posizioni, allo slittamento della postalizzazione”.

    “Avvisi che – prosegue la nota del Comune grevigiano – pertanto, riportano correttamente la scadenza del 31 dicembre 2023 per il pagamento”.

    “Che – si puntualizza dal palazzo comunale – tuttavia, potrà essere validamente effettuato, senza sanzioni ed interessi, entro 20 giorni dal ricevimento della documentazione”.

    Lo sportello Alia di Greve in Chianti (presso il Parco di Sant’Anna) è aperto al pubblico ogni giovedì dalle 8.30 alle 13.30. Info: www.aliaserviziambientali.it/contatti/chiamaci/.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...