mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Tpl, sette nuove corse per Greve in Chianti grazie alla collaborazione fra Comune e Metrocittà

    Molte segnalazioni e proteste in questi primi giorni di scuola, in particolare proprio sulle tratte grevigiane. L'assessore alla mobilità: "Andiamo incontro agli studenti che frequentano le superiori"

    GREVE IN CHIANTI – “Grazie alla collaborazione tra il Comune e la Città Metropolitana si rafforza il servizio di mobilità relativo al Trasporto pubblico locale a favore dei pendolari di Greve in Chianti”.

    # “In attesa della Sita per andare a scuola: 4 mezzi non passati, il quinto (pieno) non si è fermato”

    Lo scrive il Comune di Greve in Chianti in una nota ufficiale che va a toccare un tema caldissimo di questi primi giorni di scuola.

    Con problemi di sovraffollamento e ragazzi lasciati letteralmente a piedi. In particolare sulle tratte grevigiane.

    Sono sette le corse aggiuntive che gli studenti e i cittadini possono utilizzare per raggiungere le sedi delle scuole di area valdarnese e fiorentina. 

    “Per accogliere le esigenze di una cinquantina di studenti che frequentano l’Isis  Vasari di Figline – specifica l’assessore alla mobilità del Comune grevigiano,  – sono state introdotte due corse in più, andata-ritorno, altre due corse vanno ad implementare la tratta Ferrone in direzione Firenze, tre nuove corse transiteranno sulla direttrice principale di cui una da Panzano e una da Greve e un’ulteriore corsa è stata inserita in partenza da Greve alle ore 7.55 per ovviare alle criticità emerse in questi giorni di avvio dell’anno scolastico”.

    Quest’ultima è effettuata da Florentia Bus. Gli autobus espongono sul parabrezza il logo della Scarl e la direzione di marcia.

    “L’attenzione è continua – specifica il sindaco Paolo Sottani – stiamo monitorando attentamente la situazione, tenendo conto della limitazione dell’80% dei posti disponibili sugli autobus e dell’allineamento agli orari delle scuole”.

    Il Comune tiene ad informare che i passaggi che si verificano in orario scolastico la mattina sono numerosi: “Invitiamo gli studenti – continua il primo cittadino – a non accalcarsi sul primo mezzo che si riempie subito ma a salire su quelli successivi”.

    La consultazione degli orari aggiornati è possibile facendo riferimento alla sezione “Elenco linee e orari” e agli avvisi sul servizio, presenti sul sito www.acvbus.it

    Un’ulteriore revisione del Tpl sarà necessaria nel momento in cui le scuole passeranno dall’orario provvisorio a quello definitivo.

    “L’amministrazione è costantemente in contatto con il fornitore del servizio e tutti gli enti preposti –  conclude il sindaco – affinché i disagi siano ridotti al minimo soprattutto in questa fase”. 

    Si riporta di seguito il link che specifica le modifiche e i tragitti che riguardano il servizio urbano di trasporto pubblico locale per il nuovo anno scolastico, concordati a seguito degli incontri che la Città Metropolitana di Firenze ha tenuto con gli enti locali, i dirigenti scolastici e il gestore del servizio Tpl.

    I dettagli relativi alle singole scuole sono disponibili qui

    Numeri utili per le segnalazioni: 800570530 numero verde per gli utenti del Tpl della Regione Toscana, email [email protected], 800373760 numero verde Busitalia, email [email protected], 0552760697 numero Osservatorio Tpl della Città Metropolitana di Firenze, email [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...