spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cinque anni fa la morte del padre, precipitato con il proprio aereo auto costruito. Comunità sconvolta

    GREVE IN CHIANTI – Una tragedia. Immane, devastante, che lascia ammutoliti nella sua brutalità. Un incubo ad occhi aperti.

     

    Tutto si è consumato oggi, in un banale lunedì di fine agosto: una madre che va a svegliare il figlio che deve andare a lavorare. Il figlio che non risponde, la mamma che capisce subito che c'è qualcosa che non va.

     

    Purtroppo però non c'era più nulla da fare: T.G., 32 anni da compiere fra un paio di mesi, è morto così. Nel suo letto.

     

    Viveva insieme alla mamma e al fratello più piccolo nella frazione del Passo dei Pecorai: il padre se n'era andato quasi cinque anni fa, in un'altra tragedia che aveva toccato da vicino il paese e tutta Greve in Chianti.

     

    L'uomo era infatti precipitato durante un volo con il suo aereo auto costruito nella campagna fra Greve in Chianti e Panzano.

     

    Un dolore profondo, che a quasi cinque anni di distanza viene travolto da un'altra tragedia, da un destino feroce e cattivo. Senza pietà.

     

    "Una disgrazia incomprensibile – dice affranto il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani, che ha vissuto come tanti in paese una giornata terribile – Siamo tutti vicini a una famiglia colpita da un lutto che le parole non possono neanche descrivere. A una mamma che ha dovuto provare il dolore più grande. È un giorno tristissimo per tutti noi".

     

    Adesso saranno gli esami autoptici, disposti come da prassi, a dare delle risposte sulle cause della morte del 32enne.

     

    Ma si rimane davvero senza parole di fronte a un destino così feroce, che si accanisce in maniera terribile su una famiglia che, ammutolita, annega il suo dolore in quello di tutta la comunità grevigiana.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua